Autismo, Giuditta interroga la Regione

Autismo, Giuditta interroga la Regione
Il sindaco di Summonte Pasquale Giuditta: “Mercoledì la convocazione del coordinatore dell’Ufficio di Piano di Zona dr. Ettore Limone. Se le risposte saranno evasive mi recherò in Regione con la famiglia Saccardo. E’ una situazione difficile che va risolta”. In merito alla delicata situazione rigu…

Autismo, Giuditta interroga la Regione

Il sindaco di Summonte Pasquale Giuditta: “Mercoledì la convocazione del coordinatore dell’Ufficio di Piano di Zona dr. Ettore Limone. Se le risposte saranno evasive mi recherò in Regione con la famiglia Saccardo. E’ una situazione difficile che va risolta”. In merito alla delicata situazione riguardante la famiglia Saccardo -Vassallo il sindaco del Comune di Summonte On.Pasquale Giuditta ha dichiarato: “Esprimo la mia solidarietà alla famiglia del piccolo Giuseppe Maria, affetto da sindrome di autismo, alle prese con una situazione quotidiana di particolare disagio rispetto alla quale la nostra amministrazione non è rimasta indifferente, dimostrando grande sensibilità già in passato. Lo scorso febbraio ho scritto al coordinatore dell’Ufficio di Piano di Zona A7, dott. Ettore Limone, invitandolo ad avere una maggiore attenzione sul caso. Mercoledì ho convocato una riunione urgente invitando lo stesso dirigente Limone per verificare le attività in atto nel Pdz A7 in riferimento alla delicata questione della famiglia Saccardo-Vassallo – ribadisce Giuditta -. In passato la nostra amministrazione si è già attivata concretamente sollecitando sia il Pdz A7 che la Regione Campania, unici deputati alla risoluzione del problema. Alla famiglia Saccardo va la solidarietà di tutta la comunità e della nostra amministrazione che, se non vedrà la risoluzione di questo problema, e se non avrà risposte soddisfacenti da parte del Dr. Limone, si vedrà costretta a recarsi in Regione, all’Assessorato alle Politiche Sociali, al Settore Assistenza Sociale, Programmazione e Vigilanza sui Servizi Sociali, per chiedere un aiuto concreto atto a far risolvere, nel migliore dei modi, tale vicenda. I fondi in questo settore ci sono – conclude Giuditta – probabilmente manca sola una giusta organizzazione e i Piani di Zona negli ultimi tempi più che interessarsi delle problematiche del territorio e delle esigenze della gente, come quelle della famiglia Saccardo, sono più interessati alla spartizione degli incarichi”.

Notizie correlate