Nusco: sequestrata discarica di 2.500 mq

Nusco: sequestrata discarica di 2.500 mq
I Carabinieri della Compagnia di Montella, grazie alla proficua attività info-operativa e confortati anche da alcuni spunti informativi derivanti dall’approfondita conoscenza del territorio e della realtà locali, hanno localizzato un’area adibita a stoccaggio di rifiuti speciali in Alta irpinia, nel…

Nusco: sequestrata discarica di 2.500 mq

I Carabinieri della Compagnia di Montella, grazie alla proficua attività info-operativa e confortati anche da alcuni spunti informativi derivanti dall’approfondita conoscenza del territorio e della realtà locali, hanno localizzato un’area adibita a stoccaggio di rifiuti speciali in Alta irpinia, nel comune di Nusco, risultata abusivamente realizzata e gestita da un imprenditore del luogo, che smaltiva direttamente nel terreno pezzi di veicoli pesanti non bonificati, tra cui anche pezzi pregni di olio, parti elettriche, batterie esauste ed addirittura alcune lastre di eternit, contenente amianto . I militari hanno individuato la suddetta area adibita a discarica, a ridosso dei numerosi campi coltivati dell’Alta Irpinia, che rappresentano vanto e ricchezza per gran parte degli abitanti della zona, per molti dei quali sono l’unica fonte di sostentamento, con evidenti rischi di contaminazione per i prodotti agricoli, molti anche pregiati sventati dall’intervento dei Carabinieri nella delicata problematica ambientale a tutela della verde Alta Irpinia. Ai bordi dei verdi campi, infatti, all’interno dell’area, senza alcuna precauzione erano stati depositi, o meglio abbandonati, di materiale incontrollato di rifiuti pericolosi come batterie esauste, pneumatici, mezzi d’opera non bonificati e pregni di olio, scarto dei lavori effettuati dall’azienda suoi propri mezzi. Il tutto veniva abbandonato sul retro di un grosso muro alto 5 metri e lungo circa 100 metri, che permetteva di “nascondere” i rifiuti, non visibili da chi anche giornalmente percorreva la strada interpoderale che passa vicino all’area sottoposta a sequestro. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Montella avevano individuato l’area ed hanno attuato un consolidato dispositivo dimostratosi efficace gia in analoghe situazione. Carabinieri in uniforme ed in abiti civili hanno iniziato ad effettuare mirati servizi fini a quando non è sopraggiunto l’ennesimo camion per lo scarico dei rifiuti che è stato fermato e controllato all’interno dell’area proprio mentre si accingeva a scaricare materiali di risulta. Per impedire che l’attività illecita potesse protrarsi ulteriormente hanno dunque sottoposto a sequestro l’intera area, del valore complessivo di oltre 100 mila euro, e denunciato in stato di libertà il titolare della ditta ed i due dipendenti, per aver realizzato una discarica, con abbandono e deposito incontrollato abusivo di rifiuti tossici in assenza della prescritte autorizzazioni da parte dell’Autorità Amministrativa ma soprattutto in totale dispregio di qualsiasi prudenza e buon senso vista la vicinanza di campi coltivati. L’attività di indagine è stata condotta in collaborazione con i Magistrati della Procura della Repubblica di Sant’Angelo dei Lombardi, coordinati dal Procuratore Capo Dott. Antonio Guerriero.

Notizie correlate