Doccia fredda per il Moscati di Avellino: a rischio la Terapia del dolore

Il reparto di Terapia del dolore dell’Ospedale Moscati di Avellino è a rischio. Secondo indiscrezioni insistenti, potrebbe addirittura chiudere. Una doccia fredda per il capoluogo irpino. La causa: taglio delle spese. Il primario dovrebbe andare in pensione e, dunque, si prevede una riorganizzazione, con gli altri medici che verrebbero sistemati in altri reparti. Un’emergenza nell’emergenza. Infatti, qualcosa continua a non funzionare presso il Pronto Soccorso della Città Ospedaliera. Ci vengono segnalate, ancora una volta, file interminabili in sala d’attesa, con gente dolorante ad aspettare di essere visitata anche per ore. Qualcuno, addirittura, ha deciso di andare via, preferendo la visita presso strutture private. Il problema si verifica anche perché spesso giungono pazienti dal nolano, ai quali viene dato una sorta di diritto di precedenza.