Solofra: il palazzetto dello sport ostaggio di vandali e degrado

Un calcio, qualche spallata ben assestata e la porta del palazzetto si è spalancata. Ai vandali non è restato altro da fare che sfogare la loro voglia di devastazione. Hanno afferrato gli estintori, si sono diretti negli spogliatoi ed hanno vuotato la polvere antincendio ovunque. Il risultato? La struttura è rimasta chiusa. E le società sportive che oggi avrebbero dovuto tenere gli allenamenti sono state costrette a cedere il passo ai vandali. Un caso isolato si dirà. Assolutamente no!

Altre volte in passato si sono verificati episodi analoghi. E la situazione, a quanto ci raccontano gli avventori del palazzetto, sembra essere decisamente peggiorata da quando la gestione della struttura sportiva è passata dalla Solofra Servizi (ex Irno Service), municipalizzata di palazzo Orsini, ad una società salernitana.

Nessun custode, controlli inesistenti ed i vandali hanno via libera. E non finisce qui. Gettando uno sguardo in giro ci si rende infatti conto che l’area a ridosso del palazzetto è abbandonata e priva di qualsivoglia manutenzione. Rifiuti, erbacce, cocci di bottiglie sparsi ovunque. In un punto il rivestimento di un muro perimetrale è crollato. Cemento e mattoni sono venuti giù ostruendo una delle vie di fuga del palazzetto. E lì sono rimasti. In una parola: un disastro.

Notizie correlate