Universiadi 2019, ha preso il via dall’Unisa il cammino della Torcia di Taipei

Ha preso il via dal campus universitario di Salerno il cammino della Torcia di Taipei – Universiadi 2017-2019, organizzata dall’ARU (Agenzia Regionale Universiadi 2019), in collaborazione con il CUSI, il CONI e gli atenei di Salerno e Napoli Federico II.

Nata nel 1959 da una geniale intuizione del dirigente sportivo Primo Nebiolo, l’Olimpiade universitaria si svolge ogni due anni in un Paese ospitante, unificando gli studenti-atleti di tutto il mondo in un clima di amicizia e condivisione dei valori massimi dello sport. Quella di Taipei è la XXIX Universiade estiva, che si terrà dal 19 al 30 agosto. La fiaccola, la cui forma quest’anno ricorda una canna di bambù, arriverà a Taiwan il 25 giugno, dopo aver fatto tappa a Torino, al campus universitario di Fisciano e a Napoli, la città che ospiterà le Universiadi 2019, insieme a tutta la Campania.

Il percorso della Torcia ha preso il via all’Università di Salerno, accompagnato da 7 Tedofori, scelti dal CUSI tra i campioni salernitani rappresentativi dello sport mondiale ed universitario. Il passaggio della Torcia tocca i luoghi rappresentativi del campus universitario: dalla Biblioteca Scientifica al Viale della Conoscenza, passando per il Giardino della Legalità, con destinazione finale al Rettorato in Piazza “Gabriele De Rosa”. I Tedofori che hanno accompagnato in staffetta la torcia sono stati: Chuang Chia-Jung; Rossella Gregorio; Ida Finizio; Antonella Coppola; Gennaro Gallo; Giampiero Pastore e Wang Chin Fang.

Dopo gli inni istituzionali, dell’Italia, della Federazione FISU e di Taipei, la scaletta della manifestazione ha fatto spazio agli interventi delle autorità accademiche e sportive promotrici dell’evento.

“Oggi partono ufficialmente le Universiadi 2019, di Napoli e della Campania, ed è significativo che partano dalla nostra Università – ha dichiarato in apertura il Rettore Aurelio Tommasetti. Questo è motivo di grande soddisfazione per l’Ateneo e riconosce il lavoro di squadra che c’è stato. Abbiamo lavorato in sinergia sia con il Presidente FISU che con il Presidente CUSI. Abbiamo puntato su una disciplina rappresentativa del nostro territorio e abbiamo, per questo, deciso di optare per la scherma. Avremo a tale scopo un finanziamento da parte dell’Agenzia Regionale Universiadi, ma investiremo altrettanto per ammodernare le strutture esistenti e realizzare impianti nuovi per la nuova disciplina. Quella di Baronissi sarà una vera cittadella dello sport, usufruibile da parte di tutti i nostri studenti, a partire da quelli di medicina che vivono quotidianamente il campus di Baronissi. Investire sui valori dello sport è sempre un dato positivo, perché lo sport unisce, crea squadra e fa comunità”.

Il Presidente FISU Oleg Matytsin ha dichiarato: “Quello di oggi è uno step molto importante per le nostre attività: sono contento di percepire questo grande interesse ed entusiasmo da parte della Regione Campania, dell’Università di Salerno e degli studenti. E’ dedicato a loro tutto questo sforzo. Sono molto contento di percepire l’interesse forte del rettore e di tutta l’Università di Salerno verso questa manifestazione.  Quello di oggi è stato un test importante per le Universiadi 2019, che coinvolgeranno Napoli, Salerno e tutta la Campania. Siamo come una grande ed unica Università dello sport”.

Il Presidente CUSI Lorenzo Lentini ha aggiunto: “L’entusiasmo respirato oggi a Salerno è l’entusiasmo di chi crede e lotta per un bel risultato. Qui lo sport, per lo sforzo congiunto del Cus, del Cusi e dell’Università, è al centro della vita del campus”.

A chiudere la cerimonia l’intervento del Presidente dell’Agenzia Regionale Universiadi 2019 Raimondo Pasquino: “La volontà del governatore di far partire la Torcia di Taipei dall’Università di Salerno è la dimostrazione di come l’Università si sia saputa conquistare uno spazio nel panorama regionale, non solo per didattica e ricerca, ma anche per l’attenzione verso lo sport.  Era necessario partire bene per poter immaginare l’evento italiano del 2019 all’altezza delle manifestazioni internazionali”.

Dal campus di Fisciano la Torcia ha proseguito il suo percorso verso Napoli, dove si terrà la cerimonia di passaggio della fiamma olimpica presso la Stazione Marittima.