Lavoro, calano i disoccupati in Italia. Ecco cosa accade in provincia di Avellino

operaio lavoro

L’Istat ha pubblicato i dati relativi al mercato del lavoro in Italia nel IV trimestre del 2016. Il quadro che si evince dalle ricerche dell’Istituto Nazionale di Statistica rivela un aumento generale nella partecipazione al mercato del lavoro.

I dati parlano di un’occupazione pari a 22 milioni 827 mila persone, in incremento rispetto al trimestre precedente (+0,1%), dopo la stabilità nel terzo trimestre. Il tasso di occupazione sale al 57,4% (+0,1%), sintesi di una lieve flessione per i 15-34enni (-0,1%), della stabilità per i 35-49enni e di una crescita per i 50-64enni (+0,4%). L’aumento dell’occupazione riguarda entrambi i generi ed è concentrata nel Centro-Nord (+76 mila, 0,5%) a fronte di una diminuzione nel Mezzogiorno (-43 mila, -0,7%).

Il tasso di disoccupazione nazionale, invece, si attesta all’11,9%, in crescita di 0,2 punti percentuali dopo la stabilità dei trimestri precedenti.

In questo scenario, la Campania presenta un tasso di occupazione medio pari al 41,2% (53,9% per gli uomini, 28,7% per le donne), sostenuto dalla provincia di Avellino con la percentuale più alta della regione (50,6% di cui 62,3% di popolazione maschile e 38,8% di quella femminile).

I disoccupati in Campania, invece, sono il 20,4% del totale (ricordiamo che la media italiana è dell’11,9%): il dato riferito alla popolazione maschile è dell’18,5%, mentre quello delle donne sale al 23,6%. Anche in questo caso Avellino mostra valori migliori rispetto a quelli regionali, con un tasso totale di disoccupazione pari al 14,6% (13,4% quello degli uomini, 16,6% quello delle donne). Al di sotto dei valori della provincia di Avellino, solo Benevento con il 13,6% di disoccupati.