Ariano in movimento: “Bando per assegnazione alloggi illegittimo”

Lo scorso 30 Marzo, il Comune di Ariano ha indetto un bando per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica, prevedendo, in maniera ingiusta e discriminatoria, un trattamento differenziato tra le famiglie formate da coppie sposate e quelle formate da coppie di fatto.

Questo trattamento è espressamente vietato dalla recente normativa sulla regolamentazione delle unioni civili e delle convivenze (legge n.76/2006). Questa prevede, infatti, la parificazione della famiglia di fatto alla famiglia costituita da una coppia coniugata ai fini della assegnazione di alloggi pubblici, stabiliendo testualmente che: “​Nel caso in cui l’appartenenza ad un nucleo familiare costituisca titolo o causa di preferenza nelle graduatorie per l’assegnazione di alloggi di edilizia popolare, di tale titolo o causa di preferenza possono godere, a parità di condizioni, i conviventi di fatto”.

Il bando del Comune, invece, in maniera del tutto discriminatoria e ingiustificata, mentre da un lato consente la partecipazione a tutti i “nubendi che entro sei mesi dalla pubblicazione del bando dovranno contrarre matrimonio, pena l’esclusione dal concorso”, dall’altro prevede che le coppie di fatto costituite da conviventi possano essere considerate nucleo familiare solo laddove “​la stabile convivenza con il concorrente duri da almeno due anni prima della data di pubblicazione del bando”.