Sindaco (nomina: 25/05/2014): Gerardo Iandolo
Sede: Via Banda di Luccaro,16
Contatti: Tel. 0825 981175
C.a.p.: 83050
Abitanti: 772 (M 378, F 394)
Superficie: 4,92 kmq
Altitudine: 540 metri s.l.m.
Da Avellino: 11 km
Guardia Medica: Tel. 0825 626117
Carabinieri: Tel. 0825 981065
Asl: AV 2 tel. 0825 293124

Piccolo centro di origini medievali, sorge in una zona abitata sin dall’epoca romana. Il suo nome deriva dal latino salsus, salato, in riferimento alla sorgente presente in zona. Successivamente si è aggiunto “Irpina” per distinguere il nome dagli altri comuni omonimi.

Da visitare
Il Centro Storico, che tuttora conserva le tradizionali caratteristiche di un borgo medievale. Comprendente anche i Palazzi: Imperiale-D’Afflitto, De Pascale e Capozzi. Il Palazzo Imperiale, risalente al XVIII sec., presenta una facciata abbellita dallo splendido portale. Palazzo Capozzi situato all’ingresso della cittadina, presenta due torri angolari e un monumentale ingresso con portale in pietra e due torri angolari. L’edilizia religiosa comprende le chiese di S. Sebastiano, dei SS. Pietro e Paolo e quella nota come Balestrieri. La chiesa dei SS. Pietro e Paolo presenta un magnifico ingresso con portale in marmo; conserva al suo interno interessanti opere d’arte tra i wquali arredi sacri del secolo scorso, staue lignee policrome di santi, l’altare maggiore in marmi policromi, decorazioni a stucco ornamentali del ‘700. La chiesa di S. Sebastiano, risalente al ‘500, è stata restaurata recentemente; presenta un portale datato 1547 e custodisce alcune opere d’arte di rilevante valore, come ad esempio affreschi del ‘700 e un polittico del XV secolo, attribuito al Tolentino. Non lontano dall’abitato si trova Villa di Meo un antico casino di caccia dei Caracciolo, annesso oggi all’omonima azienda vinicola.

Feste e sagre
Patrono Madonna della Neve 5 agosto – Sagra della maccaronata luglio – Sagra spagetti ai funghi porcini agosto. Per informazioni pro-loco c/o comune.