Costi delle babysitter in aumento in Italia: la Campania tra le regioni meno care

bambini montessori scuola

Nel corso del 2017 sono risultate in aumento le tariffe delle babysitter, almeno stando al rapporto annuale pubblicato da Yoopies.

L’incremento medio fatto registrare è stato del 10,55%, con alcune differenze tra il Nord e il Sud della Penisola. In particolare, mentre le regioni più care sono la Valle d’Aosta,  con un costo medio di 9,00 euro all’ora, poi la Sardegna (8,29) e la Basilicata (7,38), quelle più economiche sono il Molise (7,32), la Campania (7,23) e la Puglia (6,96).

In media, nel 2017, la tariffa richiesta in Italia dalle babysitter è di 8,34 euro rispetto ai 7,46 dello scorso anno.

Le motivazioni relative all’aumento dei costi delle tate è dovuto principalmente a una maggiore professionalità delle stesse, cui vengono richieste sempre più competenze anche a livello educativo oltre che di intrattenimento del bambino. Mentre in merito ai motivi che spingono i genitori a richiedere l’intervento di un aiuto con i propri bebè sono emersi quelli riguardanti gli impegni lavorativi e le necessità legate ai propri ritmi di vita quotidiani e familiari.

L’aumento della domanda ha subìto un’impennata durante la stagione estiva, soprattutto perché il periodo di vacanza dei bambini è di fatto molto più lungo rispetto alle ferie (in genere 2 settimane) dei propri genitori. Un picco che verrà registrato nuovamente con l’arrivo dell’autunno, soprattutto per gli under 3 anni che non frequentano il nido.