Telefonate del call center e commerciali: ecco come riconoscerle per evitarle

L’AGCOM, tramite una apposita delibera, ha provveduto all’istituzione di due prefissi telefonici per garantire ai consumatori una tutela preventiva contro telefonate da call center, statistiche e di carattere commerciale in generale.

L’Autorità Garante per le Comunicazioni, infatti, attraverso la delibera n. 156/18/CIR, ha reso noti i prefissi tramite i quali il consumatore potrà capire se la chiamata in arrivo è legata ad attività statistiche o di telemarketing, scegliendo se rispondere o meno.

Che fosse in arrivo un prefisso per l’identificazione delle telefonate commerciali era cosa risaputa. Era infatti previsto dalla legge n 5/2018 pubblicata in G.U. nel mese di febbraio. Ma ora sono stati chiariti anche i numeri effettivi. Un modo questo che non consentirà più alle agenzie di “nascondersi” dietro numerazioni anonime o apparentemente “normali” e casalinghe. L’obiettivo è quello di evitare l’utilizzo di un telemarketing selvaggio e aggressivo e di consentire al consumatore la consapevolezza sulla chiamata in arrivo.

QUALI SONO I PREFISSI.

Per riconoscere le chiamate in arrivo sul proprio smartphone o su apparecchio fisso basterà ricordare i due prefissi che saranno adoperati dalle agenzie per tali scopi. Si tratta dello 0843 e dello 0844. Il primo numero identifica tutte le agenzie che operano per finalità statistiche (fatta eccezione per l’Istat che avrà un proprio numero); il secondo invece identifica quelle che lavorano per scopi promozionali e di telemarketing, che si occupano di ricerche di mercato e attività pubblicitarie, vendita e comunicazione commerciale. Chi voglia evitare dunque questo tipo di “chiamate a tradimento”, avrà ora un’arma in più per declinare la risposta.

DA QUANDO SARANNO RICONOSCIBILI?

Il Garante ha dato un margine di tempo utile alle società e alle agenzie per adeguarsi all’adempimento richiesto. Ma ciò che è certo è che entro Natale 2018 tutte dovranno adattarsi all’obbligo.

Notizie correlate