Evade dai domiciliari per partecipare ad una processione, 30enne in manette

Era stato recentemente deferito in stato di libertà perché ritenuto responsabile del reato di evasione.

Per il trentenne di origini avellinesi, già detenuto domiciliare, aver arbitrariamente esteso l’ulteriore beneficio che gli era stato concesso dalla Corte di Appello di Napoli per partecipare ad un festeggiamento religioso è costato caro. Ma non aveva fatto i conti con i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia del capoluogo irpino che, nell’ambito della capillare attività di controllo del territorio, il Comando Provinciale Carabinieri di Avellino quotidianamente dispiega al fine di garantire sicurezza e rispetto della legalità.

All’esito di un controllo è stato appurato che il detenuto domiciliare non era in casa nell’orario prestabilito.

Dopo la segnalazione dei carabinieri all’autorità giudiziaria è stata disposta la revoca del beneficio della misura cautelare degli arresti domiciliari, risultando palese sia la volontà trasgressiva sia la noncuranza per le disposizioni impartite.

Successivamente alle formalità di rito svolte in Caserma, per il trentenne si sono aperte le porte della Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.