L’Avellino che verrà: il punto sul mercato ruolo per ruolo

(di S.G.) L’obiettivo del duo Massimiliano Taccone-Enzo De Vito è dare centimetri e fisicità al nuovo Avellino, consegnando a Walter Novellino l’intera rosa quasi al completo per il ritiro di Cascia. Politica adottata con ottimi risultati sotto la gestione Rastelli. A breve dovrebbe salvo colpi di scena, verrà ufficializzata la doppia trattativa con la Roma per il terzino Nicola Falasco e il centrale difensivo Riccardo Marchizza, reduce dall’esperienza con l’Under 20 di Evani, per il quale i biancoverdi hanno battuto la concorrenza di Sassuolo e Sampdoria.

Due tasselli che vanno ad arricchire un reparto che può già contare sull’esperto Simone Rizzato, che con Falasco si alternerà sulla corsia mancina. Al centro Marchizza, Migliorini e Jidayi (in attesa di un quarto innesto). A destra, con il riconfermato Lorenzo Laverone (che come Rizzato può giocare anche da esterno alto), ci sarà probabilmente Simone Pecorini, ex Cittadella e Ascoli (elemento polivalente, in grado di giocare anche come centrale di difesa in un 3-5-2, alternativa al collaudato 4-4-2 di Novellino).

In porta, con la conferma di Rino Iuliano nel ruolo di terzo, l’Avellino potrebbe riaffidarsi – stavolta a titolo definitivo – a Luca Lezzerini. Il numero uno titolare, individuato da tempo è il kosovaro Samir Ujkani. Estremo difensore di proprietà del Genoa, reduce dall’esperienza al Pisa, ha indossato tra le altre le maglie di Palermo, Novara e Chievo. 

Il centrocampo, che lo scorso anno ha dimostrato di essere il vero punto debole della formazione biancoverde, vedrà molto probabilmente l’inserimento di Francesco Di Tacchio (pronto a firmare un triennale). L’ex Pisa verrà affiancato a Federico Moretti, con Richard Lasik, Stephane Omeonga (promesso sposo al Genoa, resterà un altro anno all’Avellino) e Angelo D’Angelo come alternative.
Gli stessi Lasik e D’Angelo possono agire da esterni nel 4-4-2 con la doppia alternativa più offensiva, rappresentata da Davide Gavazzi e Soufiane Bidaoui.

In avanti riconfermati Matteo Ardemagni e Gigi Castaldo ai quali verrà affiancato il giovane Jose Asencio in arrivo in prestito dal Genoa. L’attaccante classe ’98 con la Primavera rossoblù ha messo a segno 18 reti. Bisognerà capire nelle prossime ore quale sarà il futuro di Andrea Arrighini e se il Cittadella ne riscatterà il prestito. 

La macchina Avellino è in moto e nei prossimi giorni è pronta ad annunciare nuovi ingaggi.