Novellino: “Ho visto grande carattere. Ascoli squadra importante”

AVELLINO CALCIO – Soddisfatto al termine della gara Walter Novellino, tecnico dell’Avellino: “Penso che questa sia stata una delle gare più importanti sia sotto l’aspetto caratteriale che delle giocate. Se non fossimo stati così sfortunati, potevamo giocarla meglio. Abbiamo dimostrato di voler vincere la gara. Ho visto un grande Laverone e un grande Ardemagni. Forse abbiamo sofferto un poco il loro palleggio. Potevamo essere più fortunati. Abbiamo avuto diverse occasioni come quelle con Ardemagni e Paghera. Loro soffrivano le seconde palle. Il Cesena è una signora squadra costruita per andare in A. Noi non siamo più l’Avellino di Cesena. Con un pò di coraggio potevamo avere maggiore gestione in mezzo al campo” . Qualche rammarico sulla classifica: “Una vittoria poteva farci pensare ad altri obiettivi. Noi a questi ragazzi bisogna dire grazie. Il passato non dobbiamo dimenticarlo. Mancano 80 metri al nostro obiettivo. Con un po di fortuna potevamo anche vincere”.
L’errore di Radunovic: “Il sole forse gli ha dato fastidio. Dopo ha fatto delle belle parate. Ora è importante, recuperare i calciatori che sono stati fuori. Bene Paghera e Bidaoui”. Quota salvezza: “Penso che con 50 punti stiamo sereni. Ad Ascoli è un altro importantissimo scontro diretto. Speriamo di poter contare anche su Migliorini”. Su Verde: “E’ un giocatore importante. Ci tornerà utile come gli altri. Darà il suo contributo penso già dalla gara di Ascoli”. L’importanza di Laverone: “Lorenzo può ambire  alla serie A”.
Su Ardemagni: “Matteo è un giocatore straordinario, forse era arrabbiato per quel passaggio mancato da parte di Bidaoui. Avevo chiesto dalla panchina di passare il pallone ad Ardemagni,ma lui quando parte…”. Ancora oggi una grande prova difensiva: “Il nostro calcio resta il più bello del mondo”. Sulla partita contro l’Ascoli: “Affronteremo una squadra con degli elementi di grosso valore”

Notizie correlate