Salernitana contestata da trecento tifosi

Salernitana contestata da trecento tifosi
Una ripresa di fuoco. La Salernitana torna ad allenarsi allo stadio Volpe accompagnata da una dura contestazione dei tifosi. Più di duecento che hanno insultato e offeso il tecnico Brini e la squadra dall’inizio alla fine. I più bersagliati però sono stati Pestrin e Peccarisi, beccato ogni volta che…

Salernitana contestata da trecento tifosi

Una ripresa di fuoco. La Salernitana torna ad allenarsi allo stadio Volpe accompagnata da una dura contestazione dei tifosi. Più di duecento che hanno insultato e offeso il tecnico Brini e la squadra dall’inizio alla fine. I più bersagliati però sono stati Pestrin e Peccarisi, beccato ogni volta che toccava palla. Le colpe maggiori che i supporter imputano ai granata sono legate allo scarso impegno dimostrato nelle ultime gare, concetto evidenziato anche nel corso di un chiarimento (breve) che c’è stato prima dell’allenamento. Non erano presenti alla seduta Ciaramitaro, Coppola (in rotta di collisione con la società) e Di Napoli (assente per motivi familiari). Hanno ripreso a lavorare con il gruppo Peccarisi e Iunco che potrebbe essere della partita. Intanto, in attesa della sentenza del Giudice Sportivo prevista domani, sulla possibile squalifica del campo dopo il lancio di bottigliette di sabato scorso, la società granata ha sospeso la vendita dei biglietti che comincerà domani alle 16. Se l’Arechi dovesse essere squalificato, il derby si potrebbe giocare a Bari a porte aperte, ma senza i tifosi avellinesi.

Notizie correlate