Sconfitto a Frosinone, per i lupi C vicina

Sconfitto a Frosinone, per i lupi C vicina
FROSINONE – Doveva essere l’ultima chiamata per la salvezza, ed invece l’Avellino ottiene la quattordicesima sconfitta stagionale ed è ad un passo dalla C. Novanta minuti giocati con grinta, ed impegno che però non bastano vista la doppietta di Eder che condanna gli irpini. Campilongo deve fare a me…

Sconfitto a Frosinone, per i lupi C vicina

FROSINONE – Doveva essere l’ultima chiamata per la salvezza, ed invece l’Avellino ottiene la quattordicesima sconfitta stagionale ed è ad un passo dalla C. Novanta minuti giocati con grinta, ed impegno che però non bastano vista la doppietta di Eder che condanna gli irpini. Campilongo deve fare a meno di Sforzini e Vasko’ squalificati, Braglia di Antonazzo e Lucenti. Biancoverdi dunque che si affidano a De Zerbi unica punta, con Venitucci alle sue spalle. Al 7’ ci prova subito Koman con un rasoterra dalla sinistra, che si perde di poco fuori. Dopo quattro minuti si fa vedere Cavalli, tiro che finisce alla destra di Padelli ( altra novità in formazione). Al 26’ occasione ghiotta per De Zerbi su punizione: deviazione della barriera e tutto da rifare. Avellino che però appare più grintoso, determinato, e arrabbiato. Ma nel momento migliore degli irpini, il Frosinone va in vantaggio : al 33’ è Eder, servito da Biso in area, con un destro in diagonale, a siglare l’uno a zero. Frattali al 44’ fa il miracolo su Koman, e il risultato non cambia. Ripresa che si apre ancora con Frattali che al 48’ : parata su Cosenza di testa, servito da De Zerbi su punizione. Risponde Padelli su Cavalli. Ma il protagonista è ancora Eder che colpisce il palo dopo quattro minuti, su punizione da venti metri . Ancora miracolo di Frattali su De Zerbi, e partita che si tiene su ritmi vibranti ed intensi. Al 60’ Campilongo tenta il tutto per tutto inserendo Aubameyang al posto di Di Cecco e Ciotola per Koman. Ed è proprio Aubameyang che al 63’ a provarci con un rasoterra potente, parato dal solito Frattali. La doccia fredda arriva al 68’ con il raddoppio di Eder. Errore di De Zerbi a metà campo, l’attaccante riparte in contropiede sulla destra, Cosenza prima e Dettori poi cercano di fermarlo, ma alla fine batte Padelli in uscita. L’Avellino risponde al 76’ : Ciotola, tiro a giro di sinistro, che colpisce l’incrocio dei pali. E’ l’ultimo brivido dell’ennesima partita da dimenticare.

Notizie correlate