Air, spesi 12mila euro per cioccolatini ma i passeggeri restano a piedi

Anzichè migliorare il servizio manutenzione dei suoi autobus, l’Air ha preferito spendere i suoi soldi per l’acquisto di cioccolatini. E’ quanto si legge nella delibera che ci ha fatto pervenire l’architetto Rossano  – sempre attento a questo tipo di problemi – firmata dall’amministratore della società di trasporti, Alberto De Sio.

In pratica, l’Air ha pagato una fattura di 12.788 euro in favore di una azienda di Nocera Inferiore che ha fornito 556 confezioni di cioccolatini Gallucci (una fabbrica con sede a Napoli) da offrire ai dipendenti e agli interlocutori con cui l’azienda di trasporti intrattiene rapporti istituzionali.

In realtà, il valore di ogni confezione è stato di 22 euro, sicuramente un prezzo equo in rapporto al prodotto. I dipendenti avrebbero preferito, magari, quella somma in busta paga per decidere cosa comprare ed evitare problemi di colesterolo.

Il passeggero, che con l’Air intrattiene rapporti non proprio istituzionali, mai ha ricevuto un cioccolatino, nemmeno una caramella. E nemmenpo c’è un autista che si chiami Ambrogio, come quello dei Ferrero Roche.

Al povero passeggero è invece capitato di essere costretto a viaggiare su autobus puzzolenti, sporchi, con tappezzeria rovinata. Peggio ancora è andata a quanti sono rimasti a piedi perchè si è rotto il semiassi del bus oppure il mezzo è andato a fuoco, incendianosi completamente.

Nulla da dire circa i soldi spesi dall’Air che deve darne conto ai suoi revisori dei conti. Qualche interrogativo però è consentito al passeggero che si domanda: perchè privilegiare un’azienda di Nocera Inferiore che vende il prodotto di una fabbrica napoletana che produce il cioccolato quando in Irpinia ci sono eccellenti produttori di cioccolato e torroni?

Perchè non destinare quei 12mila e passa euro per l’acquisto di qualcosa di meno frivolo, ovvero garantire una sufficiente manutenzione dei mezzi? Tante altre cose si potrebbero domandare ma resteranno interrogativi poichè le risposte difficilmente potranno arrivare dall’Air.

 

Notizie correlate