193° anniversario Polizia Penitenziaria, Ugl: poco da festeggiare

193° anniversario Polizia Penitenziaria, Ugl: poco da festeggiare

La segreteria provinciale dell’Ugl comunica che oggi 24 maggio 2010, nella Casa Circondariale di Ariano Irpino, si festeggia il 193° anniversario del corpo di Polizia Penitenziaria. “Festa onorata per i sacrifici e la abnegazione al dovere degli appartenenti, ma da noi criticata per le modalità di partecipazione del personale di Polizia Penitenziaria, significando che la scelta dei partecipanti della divisa blu non è stata fatta con criteri di pari opportunità da parte dell’Amministrazione provinciale e regionale”. E’ quanto afferma in una nota il segretario provinciale dell’Ugl Polizia Penitenziaria, Serafino Fiore. “Pur regolarmente invitati, questa segreteria ha preferito non partecipare ai festeggiamenti ritenendo che c’è poco da festeggiare. Enormi sono i sacrifici che i Poliziotti Penitenziari sono costretti a sopportare: a partire dal mancato rinnovo contrattuale che vede una mancanza di copertura economica dal 01 gennaio 2008; per finire alla carenza di personale che seppur già cronica vedrà un ulteriore peggioramento in previsione dei ben circa 100 unità in pensionamento nella provincia entro il 2011 e dimezzamento dei fondi relativo al lavoro straordinario necessario per garantire con le poche unità disponibili la sicurezza ed il trattamento negli istituti penitenziari della provincia; per passare dai tagli dei fondi per l’acquisto di materiale di cancelleria, arredo e prodotti per la pulizia dei locali e per l’igiene degli operatori (allo stato attuale nei carceri della provincia non si trova nemmeno una saponetta per lavarsi le mani). Per fronteggiare questa situazione ai poliziotti penitenziari vengono chiesti sacrifici enormi a partire dalla mancata fruizione dei congedi (si segnalano mancanza di fruizione di congedo ordinario del 2009 ed in alcuni casi anche del 2008) e dei riposi settimanali (si segnalano arretramenti fino a 60 giorni). La mancata partecipazione ai festeggiamenti quindi ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni preposte affinché intervengano celermente sulla materia adoperandosi per un equo rinnovo contrattuale; arruolamento di un numero sufficiente di agenti e per l’assegnazione di fondi per le carceri”.

Notizie correlate