Agonia fiume Calore: gli ambientalisti annunciano una fiaccolata

Ato e Alto Calore sono stati i grandi assenti al tavolo tecnico convocato nell’aula consiliare di Montella dal sindaco Ferruccio Capone. Presenti, e come sempre in prima linea, le associazioni ambientaliste, il WWF e il Genio Civile chiamato ad avviare il piano di bonifica del fiume Calore. Delusi ma non vinti gli esponenti del comitato di tutela fluviale che non hanno risparmiato accuse nei confronti dei rappresentanti di enti e istituzioni che hanno responsabilità sul patrimonio naturale. “Saremo costretti a rivolgerci ad altri enti – ha dichiarato il sindaco di Montella, Capone – e alla Provincia innanzitutto. La situazione ambientale è davvero drammatica. E’ urgente avviare la bonifica dell’alveo già alla sorgente. Non possiamo assistere impassibili alla fine del fiume che è stato vitale per questa valle, e ha assicurato reddito a tante famiglie”. I rappresentanti del comitato di tutela del fiume Calore hanno proposto di stilare una mappatura delle captazioni selvagge di acqua dal letto fluviale e di monitorare con maggiore costanza i tratti più a rischio e nel contempo i depuratori comunali datati o non in regola. A breve si terrà anche una fiaccolata per la salvezza del Calore promossa dal comitato di tutela.

Notizie correlate