Criptovalute: Lo strumento per un assetto economico nuovo e rivoluzionario

Schema di un medioambiente blockchain
Schema di un medioambiente blockchain

Se ne sente parlare spesso, ma intorno ad esse aleggia ancora una sorta di confusione. Si tratta delle criptomonete, uno strumento che alla base ha calcoli matematici particolarmente avanzati, attraverso i quali è stata aperta la strada verso una prospettiva criptoeconomica molto differente da quella attuale.

Le criptovalute: cosa sono e come funzionano

Era il periodo tra il 2008 e il 2009 quando si iniziò a parlare di criptomonete, Bitcoin e quant’altro. La crisi economica di quegli anni, che aveva coinvolto i Paesi fino ad allora preponderanti sotto il profilo economico mondiale, ha fatto sì che si mettessero in discussione le regole alla base degli scambi finanziari.

Sicché, un hacker giapponese, Satoshi Nakamoto, ha elaborato un sistema di crittografia avanzato tramite il quale produrre la prima cryptocurrency, il Bitcoin.

moneta fisica bitcoin
moneta fisica bitcoin

Le criptovalute sono monete digitali, uno strumento diverso in cui investire e che risponde alle regole di un nuovo mercato, considerato più vantaggioso di quello dell’oro o delle azioni. È errato considerare i Bitcoin e le altre valute come delle semplici monete virtuali e con nessun valore reale; al contrario, sebbene nascano da processi informatici e digitali, si tratta di monete autentiche e capaci di avere un grande impatto sui flussi finanziari concreti.

Le cryptocurrency si producono attraverso la tecnologia blockchain, ossia delle catene di blocchi che contengono transazioni interne, e si contraddistinguono dal fatto di essere decentralizzate: non hanno alcun ente che le controlla, nessuna banca o istituzione, ma sono gestite esclusivamente da chi le detiene, garantendo un elevato grado di riservatezza e anonimato.

Schema di un medioambiente blockchain
Schema di un medioambiente blockchain

Inoltre, per scongiurare un eventuale rischio di inflazione, ogni moneta ha un limite massimo di produzione; ad esempio, Bitcoin prevede una produzione massima di 21 milioni di BTC e attualmente un singolo Bitcoin ha un valore di 2400$.

Dove acquistare le cryptocurrency

Le criptovalute possono essere acquistare con exchange monetario oppure tramite il trading su broker forex. Se interessato, compra criptomonete, esistono diverse piattaforme che ti permetteranno di acquisire varie criptovalute, in un modo trasparente e accessibile anche per i principianti.

Dopo il successo di Bitcoin, sono nate e stanno continuando a nascere nuove monete digitali. Le più popolari sono Ethereum, più flessibile e sostenuta da Intel e Microsoft, e Dash, accettata già dall’App Store e con cui è possibile scambiare denaro in tutto il mondo in pochi secondi.

Inoltre, è di pochi giorni fa la notizia diramata dalla BBC, secondo cui anche Facebook sarebbe in procinto di creare una propria cryptocurrency.

Cryptocurrency e token: ci sono differenze?

A volte si parla di monete digitali, coin e token come se fossero la stessa cosa, ma in un sistema informatico complesso e avanzato come quello da cui ha origine questo nuovo settore, ogni termine fa riferimento a un aspetto determinato.

Se Bitcoin, Ethereum, Dash, Iota e altri sono le tipologie di valute disponibili nella criptoeconomia digitale, i token sono gli strumenti che le rappresentano e che si hanno nel wallet, il proprio portafoglio.

3

Si tratta di gettoni, oggetto degli scambi, che richiamano un certo valore della moneta a cui si riferiscono (al riguardo la più famosa è Ethereum) e che sono acquistabili durante la fase ICO (Initial Coin Offering), il momento di creazione della moneta stessa. A differenza di queste, sono frazionabili e si può decidere se conservarli o monetizzarli attraverso la loro vendita.

In altri termini, i token nel mondo digitale svolgono la stessa funzione dei buoni pasto, delle carte del supermarket piuttosto che delle fiches del casinò nel mondo reale.

 

 

Ultimi Articoli

Attualità

“Moscati” all’avanguardia: tecnica cardiochirurgica evita intervento a cuore aperto

15 Ottobre 2019 0

La riparazione della valvola mitralica in minitoracotomia, una tecnica cardiochirurgica d’avanguardia, ha evitato a un 52enne l’intervento a cuore aperto. L’equipe di Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino, coordinata dal Direttore dell’Unità Operativa, Brenno […]