Il foro Arianese “incrocia le braccia”

Il foro Arianese “incrocia le braccia”
Il Consiglio dell’Ordine Forense di Ariano Irpino, comunica che a partire da domani 21 maggio e sino al 28 maggio 2009 compreso, gli avvocati si asterranno dalle udienze civili e penali. Il foro Arianese “incrocia le braccia” per ottenere un diverso calendario delle udienze del giovedì che attualme…

Il foro Arianese “incrocia le braccia”

Il Consiglio dell’Ordine Forense di Ariano Irpino, comunica che a partire da domani 21 maggio e sino al 28 maggio 2009 compreso, gli avvocati si asterranno dalle udienze civili e penali. Il foro Arianese “incrocia le braccia” per ottenere un diverso calendario delle udienze del giovedì che attualmente si svolgono, per carenza di aule, nelle stanze dei magistrati e persino nelle cancellerie. Una situazione che oltre al notevole disagio in cui operano Avvocati e Giudici crea disservizio per i cittadini contribuendo ad alimentare la percezione di una giustizia distante dai bisogni dell’utenza e lenta nelle decisioni. Il presidente del Consiglio dell’Ordine Avv. Giovanni Antonio Cardellicchio richiama l’attenzione dei colleghi sulle modalità di adesione all’astensione collettiva ricordando agli iscritti che: l’art. 3, del Codice di autoregolamentazione delle astensioni dalle udienze degli avvocati, prevede che questi si rechino in udienza e dichiarino di aderire all’astensione o comunichino, la loro adesione all’astensione, con atto scritto trasmesso alla cancelleria. Gli Avvocati sono invitati al rispetto di quanto previsto dagli articoli 3, 4 e 5 (gli ultimi due relativi alle materie escluse dallo sciopero nel penale e nel civile) del codice di autoregolamentazione delle astensioni. Maggiori notizie sulle modalità attuative possono essere richieste ai consiglieri Avv. Domenico Scala segretario del consiglio dell’Ordine Forense e all’Avv. Vito Nicola Cicchetti delegato ai procedimenti disciplinari e deontologia professionale.

Notizie correlate