Protesta tir, Iannaccone: “Governo offra soluzioni concrete”

“Il Ministro Cancellieri minaccia il pugno di ferro? Noi, invece, la invitiamo ad offrire insieme al Governo soluzioni concrete: moratoria per dodici mesi delle cartelle Equitalia con azzeramento di interessi e penalità, riduzione delle accise sui carburanti, abbattimento del dieci per cento del costo di gas ed energia, riduzione dei tassi di interesse su mutui e prestiti alle imprese, artigiani, commercianti, contadini e famiglie”. Lo scrive sul suo profilo Facebook Arturo Iannaccone, Segretario Nazionale e capogruppo a Montecitorio di NpS-Noi Sud.
“Con la nostra richiesta al Governo di riferire in Parlamento sulla rivolta dei forconi – prosegue – avevamo spronato l’Esecutivo, prima che la situazione precipitasse, a individuare soluzioni concrete al caro carburanti e alla forte penalizzazione nel settore del credito e delle assicurazioni per chiunque operi al Sud. Ora – chiude Iannaccone – il Governo appronti un decreto per salvare gli Italiani realmente e non esegua gli ordini di Francesi e Tedeschi”.

Notizie correlate