Università più vicina, Solofra si interroga

Università più vicina, Solofra si interroga
Università e città di Solofra, se ne è parlato nel pomeriggio in un incontro a Palazzo orsini al quale hanno preso al fianco di amministratori e consiglieri comunali anche i commercianti cittadini. Al centro della discussione la possibilità di dare vita ad iniziative che consentano di attrarre nella…

Università più vicina, Solofra si interroga

Università e città di Solofra, se ne è parlato nel pomeriggio in un incontro a Palazzo orsini al quale hanno preso al fianco di amministratori e consiglieri comunali anche i commercianti cittadini. Al centro della discussione la possibilità di dare vita ad iniziative che consentano di attrarre nella città della concia il bacino d’utenza che gravita attorno all’ateneo universitario di Fisciano. <>. <> I mezzi per conseguire questi risultati: innanzitutto agevolazioni ed iniziative pensate per il mondo universitario. Da qui dunque l’incontro con i commercianti. Ma non solo. Fra le priorità: potenziare la biblioteca comunale inserendo nell’elenco dei volumi anche testi universitari, potenziare la rete dei trasporti ed infine pensare ad una serie di agevolazioni con gli esercizi commerciali. Per quanto riguarda poi gli immobili da destinare a residenze universitarie è stato effettuato uno screening per sondare la disponibilità e la capacità ricettiva del territorio. Agevolazioni sugli affitti, una rete di trasporti comprensoriale che agevoli la mobilità degli studenti, sconti per gli studenti universitari da concordare con i commercianti del territorio, stage e percorsi formativi da svolgere negli enti e nelle aziende del territorio, la creazione di un osservatorio che sia in grado di uniformare di volta in volta le istanze che arrivano dagli studenti con l’offerta di iniziative e servizi che vengono dal territorio. Si tratta di possibili interventi che potrebbero favorire l’iniziativa. Come è facile comprendere si tratta di agevolazioni di cui si avvantaggerebbero innanzitutto gli studenti ma che potrebbero innescare degli effetti positivi anche per i cittadini e le economie locali. Ad esempio si potrebbe pensare di studiare delle agevolazioni Ici e Tarsu nei confronti di quanti affittano le abitazioni agli studenti. Benefici per i commercianti che potrebbero contare su un maggior flusso di clienti legato proprio alla presenza degli studenti universitari sul territorio, vantaggi per le aziende e gli enti che potrebbero contare sull’inserimento nella propria organizzazione di “forze fresche” in grado di trasferire conoscenze e competenze legate ad una formazione continua e a degli standard di professionalità sempre più elevati.

Notizie correlate