Avellino, stop alle auto inquinanti per un mese. L’amministrazione: “Camminare vi farà bene”

Da lunedì 22 ottobre e per un mese ad Avellino non potranno circolare i mezzi ritenuti inquinanti. Divieto di circolazione tutti i giorni, festivi inclusi, dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle ore 15,00 alle 19,00 per i veicoli diesel Euro 0, 1, 2 e 3, e benzina Euro 0, 1 e 2.

L’ordinanza del sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi, s’è resa necessaria a causa dello sforamento dei parametri sulle polveri sottili.

Un provvedimento che smentisce nettamente quanto sostenuto dallo stesso primo cittadino e dalla sua giunta cheavevano sempre espresso parere contrario rispetto a una azione del genere. Ora l’assessore all’ambiente suggerisce ai cittadini: “Camminare a piedi non fa male a nessuno”.

Vero, verissimo in una città dove esistono mezzi alternativi che ad Avellino sono una chimera. In una città dove le condizioni meteorologiche non sono quelle del cosiddetto “pisciaturo d’Italia” dove piove spesso e la passeggiata sotto l’acqua non è proprio il massimo della vita. Una città dove nulla è stato fatto per prevenire tale fenomeno senza attuare l’inutile stopal traffico, quando ci sono autobus che inquinano quanto mille autovetture, caldaie per il riscaldamento che nessuno controlla e altro ancora.

La soluzione più facile è fermare le auto inquinanti per un mese costringendo i possessori a trovare soluzioni alternative che non possono essere quella della sostituzione del mezzo con uno di più recente fabbricazione perchè, spesso, mancano le risorse per provvedere. E allora il provvedimento clpisce le famiglie meno facoltose, quelle che hanno una sola vettura e anche vecchia.

Il traffico sarà inibito nell’intero centro urbano di Avellino mentre resta aperta la circolazione lungo la Statale 7Bis, via Don Giovanni Festa, la strada Bonatti, la Provinciale 165, via Tedesco fino all’incrocio con via Troncone, Viale Italia fino alla rotatoria, il tratto della Provinciale 70 compreso tra le due rotatorie, via Perrottelli, via Aversa, via Morelli e Silvati, via Annarumma.

Non è dato sapere se saranno istituiti parcheggi nelle zone dove sarà bloccata la circolazione con la possibilità di utilizzare bus navettaper raggiungere il centro.

Sicuramente è prevedibile un sostanzioso introito per le casse comunali, con la Polizia municipale in azione nell’elevare contravvenzioni che vanno da 163 a 658 euro.

 

Notizie correlate