Mercatino dello “street food”, ordinanza di sgombero per le casette lungo il Corso

Il mercatino dello street food chiude prime ancora di aprire i battenti.

Le casette sistemate lungo corso Vittorio Emanuele di Avellino pare siano addirittura abusive.

Gli agenti della polizia municipale hanno perciò notificato agli organizzatori della festa l’ordinanza per la rimozione immediata delle strutture di legno che avrebbero dovuto ospitare lo street food, quale evento di accompagnamento all’esibizione del rapper Clementino, saltata per la mancata conferma dell’appuntamento.

E’ questo il disarmante corollario di un ferragosto avellinese mai decollato che ha prodotto unicamente delibere approvate per essere poi ritirate dopo qualche giorno.

Revocata la delibera del patrocinio economico, si aspettava quella del patrocinio gratuito. Provvedimento mai arrivato. Solo una offerta di sponsorizzazione da parte di un parlamentare pentastellato.

Oggi il sindaco ha definitivamente comunicato la decisione di non procedere con l’organizzazione del ferragosto avellinese. A suo dire “per troppe polemiche”.

Dal comando della polizia municipale avellinese è partita l’ordinanza di sgombero. Non solo. L’associazione che aveva sostenuto la realizzazione delle casette dovrà anche pagare una multa.

Notizie correlate