Terremoto ad Avellino posticipato di due anni e al Corso Umberto funziona il “Casino del Principe”

Se non fosse una cosa vera, ci sarebbe da ridere e pensare a una barzelletta. Macchè, è tutto riportato sul sito pubblicizzato dal Comune di Avellino (LEGGI QUI)

Pure a costo di fargli pubblicità gratuita, il sito www.comuniincomune.it, per quanto riguarda solo il capoluogo Avellino, riporta tante di quelle inesattezze da pensare a uno scherzo.

Si tratta di ignoranza oppure di approssimazione?

Possibile che il Comune di Avellino abbia promosso tale operazione spendendo, magari, pure qualche soldino?

Volete saperne qualcuna?

Si legge testualmente: “Il terremoto del 1982 provocò la morte di 82 persone”.

Ma non era il 23 novembre 1980?

Questo è solo un piccolo esempio di ignoranza e stupidaggini contenute nella vergognosa descrizione da cui risulta che “numerosi treni regionali collegano Napoli ad Avellino“.

Nel capitolo dedicato all’arte, si viene a sapere che ad Avellino, oltre all’artistica “Fontana dei tre cannoli” (alla siciliana????), c’è anche il “Casino del Principe, in stile rinascimentale”.

Si, proprio così: casino senza accento sulla ò, altrimenti si poteva immaginare la presenza, magari, di una sala giochi.

Meglio sarebbe stato scrivere “La Casina del Principe” come viene definita tale struttura attualmente, anche se fino agli anni ’50 quell’edificio veniva comunemente chiamato “Casino” per sintetizzare una “casa di tolleranza“.

Forse, però, è voluto: hanno scritto “il casino” per sintetizzare cosa hanno voluto provocare inserendo tante stupidaggini.

Con il beneplacito del Comune di Avellino e del suo Sindaco.

L’elenco è lunghissimo e non merita di essere pubblicizzato. Magari i testo andrebbe eliminato.

Ma una denuncia per danno all’immagine, no?

 

Notizie correlate