Vuoi allenare? Porta lo sponsor e la panchina è tua: indagini della Guardia di Finanza

Il fenomeno è dilagante e comincia a salire di categoria. Parte dai campionati di calcio Dlettanti per arrivare ala serie C, quella che ora si chiama Lega Pro,  pare interessi pure la serie B.

Per trovare un posto da allenatore occorre garantire un introito economico alla società. In pratica il tecnico deve pagarsi il posto di lavoro in modo indiretto, magari attraverso uno sponsor. Questo il motivo di tanti nomi semisconosciuti affacciatisi alla ribalta del calcio dilettantistico e alle soglie di quello professionistico. Operazioni finanziarie non sempre limpide, con sponsorizzazioni a cifre notevolmente alte, prezzi fuori mercato per garantire lo stipendio all’allenatore (spesso con un paio di collaboratori dello staff) e alla società calcistica.

La denuncia è stata fatta pubblicamente da allenatori professionisti che si sono sentiti fare l’insolita richiesta da presidenti abituati ad agire in quella maniera: “Vuoi allenare? Porta uno sponsor”, alla faccia di curriculum e competenze.

“ Per sedersi in panchina servono contanti e contratti. Per allenare mi hanno chiesto uno sponsor da 50.000 euro”, ha denunciato Salvatore Soviero, ex portiere dell’Avellino rilasciando un’intervista che ha fatto scalpore tra chi nulla sapeva di questo fenomeno invece assai noto.

La Guardia di Finanza è diventata particolarmente vigile su tali iniziative, attraverso una circolare interna sono state fornite indicazioni precise per individuare queste pratiche poco trasparenti che nascondono una evasione fiscale di non poco conto, con fatturazioni notevolmente maggiori rispetto alle somme reali. Per quanto di propria competenza, la Federazione Giuoco Calcio ha sguinzagliato i suoi uomini attraverso l’Ufficio Indagini per individuare simili situazioni. Previste pene severe per gli allenatori ele società protagonisti di iniziative del genere: si parte da un minimo di 3 anni di squalifica per i tecnici e 15 punti di penalizzazione per le società.

 

Notizie correlate