Amministrative Atripalda, un candidato rivela: “C’è stata compravendita di voti”

La denuncia arriva direttamente da un cittadino che è stato candidato alle amministrative di giugno 2017 per l’elezione al Comune di Atripalda. Ci sarebbe stata una compravendita di voti in quella occasione.
A dare voce  all’esponente di “Piazza Grande” non eletto è il sito www.impresadiretta” di Atripalda che, dopo avere pubblicato un articolo di Luigi Caputo, Responsabile del Partito di Rifondazione Comunista di Atripalda, ha ricevuto il seguente commento scritto da Oscar Lui: “Salve, io sono stato un candidato di Piazza Grande… premesso che stare zitti, non per forza vuol dire essere connivente… perché l`esimio comunista non si è scandalizzato così tanto per la compravendita di voti negli ultimi giorni della suddetta primavera? Eppure un attentato alla democrazia così grande, è più pericoloso della vicenda personale di un uomo, che comunque non conosco e che per quanto amorale, delegherei semplicemente a vicenda giudiziaria, utile solo a fare propaganda facile….”.
La denuncia è forte e non resterà inascoltata.
Sarà fatta sicuramente piena luce rispetto alle affermazioni fatte da Oscar Lui.
Non è escluso che personale della Digos della Questura di Avellino oppure il Comandante della locale Stazione dei Carabinieri possano presto prendere a verbale Oscar Lui per quanto dichiarato dal candidato di “Piazza Grande” il quale ha pubblicamente svelato l’inquietante retroscena.

Notizie correlate