Alta Irpinia – Denunce e patenti ritirate

Alta Irpinia – Denunce e patenti ritirate
Molta prevenzione per i circa 40 uomini dell’arma dei carabinieri, in uniforme ed in abiti civili, nonché 15 autovetture impegnati sulle varie arterie stradali ed in particolare nei centri di Montella, Volturara Irpina, Chiusano di San Domenico, Caposele e Bagnoli Irpino, con particolare attenzione …

Alta Irpinia – Denunce e patenti ritirate

Molta prevenzione per i circa 40 uomini dell’arma dei carabinieri, in uniforme ed in abiti civili, nonché 15 autovetture impegnati sulle varie arterie stradali ed in particolare nei centri di Montella, Volturara Irpina, Chiusano di San Domenico, Caposele e Bagnoli Irpino, con particolare attenzione all’Altopiano del Laceno, meta di numerosi turisti. La principale attività svolta dai Carabinieri è stata una specifica attività di contrasto al cosiddetto fenomeno delle “stragi del sabato sera”. I servizi sono stati attuati attraverso numerose perquisizioni alle persone, alle abitazioni ma soprattutto nelle automobili dei tanti giovani in giro nelle notti dell’alta irpinia alla ricerca di facile ma non sempre salutare divertimento. I Carabinieri hanno effettuato mirati controlli sia all’interno e soprattutto all’esterno dei numerosi locali pubblici (una ventina tra pub, disco-pub e bar che entrano nel pieno delle proprie attività durante il fine settimana), per verificare le eventuali condizioni psicofisiche alterate a causa dell’assunzione di superalcolici o, peggio, di sostanze stupefacenti da parte dei conducenti delle numerose autovetture, spesso di grossa cilindrata, che sono in movimento ogni fine settimana nella movida dell’Alta Irpinia. Diverse perquisizioni sono state inoltre eseguite in Alta Irpinia nel corso della notte, nei pressi dei locali notturni e in molti casi le perquisizioni hanno dato esito positivo. Nella rete dei controlli dei Carabinieri sono incappati ben 3 giovani irpini sorpresi in possesso di quantitativi di droga tali da non poterne giustificare il consumo personale e pertanto venivano indagati in stato di libertà per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Visto che la droga era detenuta per “uso esclusivamente personale”, gli stessi sono stati anche segnalati quali assuntori alla Prefettura di Avellino. In seguito ai numerosi incidenti stradali, anche mortali, purtroppo ricorrenti nella cronaca sia locale che nazionale,specie durante i fine settimana, i Carabinieri hanno effettuato numerosi servizi di prevenzione finalizzati al contrasto della guida sotto l’effetto di droga e alcool, con posti controllo effettuati nei pressi dei locali maggiormente frequentati dai giovani in Alta Irpinia, resi ancora più affollati a causa delle basse temperature di questi giorni: le verifiche sono state rese più efficaci anche e soprattutto con etilometro. In particolare, nel corso di tali verifiche, sono stati denunciati alcuni giovani, di età compresa 20 ed i 35 anni, che sono stati sorpresi alla guida delle proprie autovetture spesso di grossa cilindrata dopo aver abusato di alcool e denunciati in stato di libertà. Allarmanti i risultati dell’accertamento effettuato, visto che la c.d. “Alcolemia”, ha permesso di riscontrare, in alcuni casi, valori fino a quattro/cinque volte superiore al massimo consentito. In alcuni casi, inoltre, i giovani controllati, hanno dato in escandescenza, assumendo atteggiamenti ai limiti del codice penale. In un caso, un giovane ha addirittura colpito il parabrezza della propria macchina riducendolo in frantumi. Il professionale comportamento dei Carabinieri intervenuti, che hanno dimostrato equilibrio e buon senso adeguati alla situazione, ha consentito di evitare che la situazione potesse degenerare, svolgendo i controlli con la necessaria rigidità ma senza eccessi .In tutti i casi, le autovetture sono state sottoposte a sequestro preventivo e successiva a confisca in favore dello Stato. Numerose – in totale – sono state le contravvenzioni che i Carabinieri hanno elevato nei confronti degli automobilisti più indisciplinati per un importo complessivo di oltre 7.000,00 euro, nonchè e nei confronti di alcuni esercenti pubblici che non avevano rispettato l’orario di chiusura, per un importo di oltre 2500 euro. Le conseguenti sanzioni accessorie previste dalla normativa vigente hanno consentito ai Carabinieri di ritirare altre 3 patenti di guida ed altrettante carte di circolazione.

Notizie correlate