Arrestato Felice Cava: forniva armi al clan

Arrestato Felice Cava: forniva armi al clan

PAGO DEL VALLO DI LAURO – Nella tarda serata di ieri, il personale della squadra mobile della Questura di Avellino, sezione criminalità organizzata, insieme al personale del Commissariato di Polizia di Pago Vallo Lauro ha tratto in arresto Felice Cava di 36 anni, nipote di Biagio capo dell’omonimo clan criminale nonché cugino di Salvatore Cava, arrestato il 18 maggio dopo circa due anni di latitanza.
L’arresto è avvenuto in esecuzione della misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli Dott.ssa Cimma e richiesta dal P.M. presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli Dr Francesco Soviero, che coordina instancabilmente l’attività investigativa unitamente al Procuratore Aggiunto Dr. Rosario Cantelmo. Felice Cava è indagato per i reati di porto e detenzione illegale di armi clandestine, ricettazione e simulazione di reato. Lo stesso avrebbe consegnato ad altra persona risultata vicina ad elementi organici al clan Cava due pistole cal. 9x2I mm, numeroso munizionamento per pistola nonché due autovetture di provenienza illecita.
Tale attività segue l’operazione dello scorso ottobre “Tempesta Tre” in cui vennero arrestate sei persone vicine al clan Cava e vennero sequestrate numerose armi e un ordigno. L’attività svolta segna un passo importante nelle indagini in quanto ha consentito di risalire a colui che aveva fornito una parte delle armi sequestrate al sodalizio; armi perfettamente efficienti e pronte ad essere utilizzate in un territorio a rischio costantemente attenzionato dall’Autorità Giudiziaria e dalle Forze di Polizia.
L’arresto segna un ulteriore importante risultato investigativo nella serrata e tenace lotta all’espansione del clan Cava da parte degli uomini della squadra mobile diretti dal Dr. Picone che svolgono incessantemente un brillante e tenace lavoro investigativo finalizzato a depotenziare il potere criminale del clan Cava nel Vallo di Lauro.

Notizie correlate