Clan Cava: si pente il cugino del boss Biagio

Clan Cava: si pente il cugino del boss Biagio
Nello stesso giorno in cui 60 tra boss, gregari e affiliati vengono rinviati a giudizio per associazione camorristica, estorzione e spaccio spunta un pentito nel clan Cava. Si tratta di Antonio Scibelli cugino del capo indiscusso del clan Biagio Cava. L’uomo, 48 anni, originario di Quindici, ma resi…

Clan Cava: si pente il cugino del boss Biagio

Nello stesso giorno in cui 60 tra boss, gregari e affiliati vengono rinviati a giudizio per associazione camorristica, estorzione e spaccio spunta un pentito nel clan Cava. Si tratta di Antonio Scibelli cugino del capo indiscusso del clan Biagio Cava. L’uomo, 48 anni, originario di Quindici, ma residente a San Paolo Belsito, era stato arrestato perché coinvolto nell’operazione “Tempesta” condotta dalla squadra mobile della Questura di Avellino che portò in manette 47 persone del pericoloso sodalizio criminale del Vallo. Tra questi anche il boss Biagio e il suo braccio destro, un suo altro cugino Antonio. A rendere noto il pentimento di Scibelli è stato il sostituto dell’Antimafia Francesco Soviero in aula mentre si discuteva del rinvio a giudizio delle 60 persone. Il processo prenderà il via il prossimo 17 luglio. A questo punto saranno determinanti le rivelazioni del nuovo collaboratore di giustizia.

Notizie correlate