Si fingono investigatori privati: nei guai due napoletani

CRONACA AVELLINO – Si sono presentati a casa di una donna di Avellino per acquisire informazioni su di un incidente stradale, ma non avevano la licenza di investigatori privati. Nei guai sono finiti due napoletani. La coppia di investigatori ingaggiati da un’agenzia assicurativa del napoletano era in trasferta città. La donna, una 45enne, ha riferito di non essere stata coinvolta in nessun incidente e temendo un truffa, ha allertato il 113. Sul posto gli agenti delle volanti della Questura di Avellino, coordinati dal dottore Iannuzzi. I due sono stati denunciati per esercizio abusivo della professione di investigatore privato. Dopo gli accertamenti del caso eseguiti dagli agenti di via Palatucci attraverso i registri della Prefettura è emerso che i due non avevano alcuna licenza per svolgere l’attività investigativa privata.

Notizie correlate