Donna morta Country Sport di Avellino: ecco chi era e cosa è accaduto

Ricostruiti gli ultimi istanti di vita della donna che era andata al Country per concedersi una giornata di refrigerio ed ha invece trovato la morte in un caldissimo sabato di luglio (leggi qui).

La signora Pina Accomando, 63 anni, coniugata e madre di due figli, abitava alla Via Capozzi di Avellino: era arrivata presto presso il centro sportivo Country della frazione Picarelli, intorno alle 9.

Una immersione in piscina, poi si era adagiata su una sdraio. La signora Accomando ha accusato un dolore al petto, ha chiesto aiuto, subito è accorso un medico che si trovava come tanti altri clienti all’interno del Country Sport. Nessuno sa dire se sia stato utilizzato un defibrillatore o altra apparecchiatura utile per aiutare la donna. Nonostante i tentativi di rianimare la donna, anche da parte del personale del 118 immediatamente giunto con una ambulanza, non è stato possibile strappare la 63enne alla morte.

La tragedia si è consumata sotto gli occhi di centinaia di persone, mentre veniva diffusa la musica da Radio Punto Nuovo che, attraverso le sue frequenze, trasmetteva e raccontava via radio la giornata e le attività che si svolgevano nella struttura sportiva.

Bruno Gaipa, che conduceva la trasmissione in diretta, ha raccontato: “Non ci siamo accorti di cosa sia accaduto, nell’immediato, eravamo nell’altra zona della struttura con la nostra postazione. Abbiamo continuato con la nostra trasmissione. Solo quando sono arrivati i soccorsi, con ambulanza e poi una pattuglia della Polizia, abbiamo capito che era accaduto qualcosa di grave”.

La struttura è rimasta aperta, altri ospiti hanno continuato a prendere il sole e bagnarsi in piscina mentre i poliziotti compivano un primo sopralluogo in attesa del magistrato che ha consentito, dopo un primo esame esterno, di trasportare, a bordo della autoambulanza, il cadavere della donna presso l’obitorio del vicino Ospedale Moscati di Avellino.

La trasmissione di Radio Punto Nuovo è stata sospesa, come pure la musica non è stata più diffusa all’interno della struttura. In attesa degli accertamenti affidati al medico legale nominato dalla Procura della Repubblica di Avellino, non è stato ancora fissato il giorno e l’ora del funerale.

Dopo che la salma ha lasciato la struttura, è ripresa normalmente l’attività con un migliaio di ospiti ad affollare i prati che circondano l’ampia piscina. Con la piscina comunale chiusa per problemi amministrativi, al Country si registra il tutto esaurito.

Notizie correlate