Concia, l’export del distretto di Solofra recupera il 3.7%

Il distretto conciario di Solofra batte il distretto agroalimentare di Nocera. E’ quanto emerge dal “Monitor dei distretti del Mezzogiorno” elaborato dal Banco di Napoli. Secondo gli esperti, infatti, nel periodo gennaio-settembre del 2011 le aziende che lavorano nei sei distretti regionali perdono il 3 per cento delle vendite rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il dato delle Pmi campane è in controtendenza rispetto agli altri distretti del Sud che registrano un più 0,7 per cento. L’analisi per singolo distretto evidenzia come a determinare il risultato negativo della Campania sia ancora il polo delle conserve di Nocera, che nel corso dei primi nove mesi del 2011 conferma un andamento al ribasso nei valori delle esportazioni avviato dal 2010. Il distretto di Solofra, nei primi nove mesi registra un recupero del 3,7 per cento. Crescono invece le export dei due poli alimentari campani (caffè e pasta napoletana e mozzarella di bufala campana), in linea con il buon andamento del settore agro-alimentare italiano, e soprattutto i due distretti del sistema moda (Abbigliamento e calzature del napoletano). Per quanto riguarda il caffè e la pasta, però, nei primi nove mesi il calo dell’export è del 4,3 per cento, la mozzarella segna invece più 46,2 per cento. Le aziende localizzate all’interno dei distretti campani esportano, in totale, quasi 2 miliardi di euro di merci.

Notizie correlate