Migliaia di pellegrini tra Montevergine e Materdomini, ma crolla la vendita di oggetti sacri

Nonostante il grande richiamo esercitato da due degli più importanti santuari della Campania in termini di devoti – Montevergine e Materdomini – in Irpinia crolla la vendita di oggetti sacri. Ne è la chiara testimonanza la netta diminuzione delle imprese specializzate nel commercio di articoli religiosi e arredi sacri. Negli ultimi cinque anni in provincia di Avellino sono calate del 15,4%. Nell’ultimo anno dell’8,3%. In territorio negativo anche Caserta (-2,9% nell’ultimio quinquiennio). Nelle altre aree della regione, invece, segno più a cominciare da Napoli (11,6%) passando per Salerno (11,1%) e chiudendo con Benevento (+5,6%).