Vertenza addetti Arpac, Uil: soddisfatti, ora pensiamo al futuro

Vertenza addetti Arpac, Uil: soddisfatti, ora pensiamo al futuro

Stamattina alle ore 11.30 si è tenuto l’incontro in Prefettura per avviare la discussione del caso Arpac . Erano presenti l’Ass. al Lavoro e alla Formazione della Provincia di Avellino Ass. Giuseppe Solimine, i dirigenti sindacali di CISL (C.Nazzaro) e UIL (V.Preziosi e M.Caso). L’Arpac rappresentata dal Direttore Generale Prof. Volpicelli, dal Direttore Provinciale sezione di Avellino dott Ateniese, dal Responsabile del Progetto Verifica Impianti Dott. Adamo e dall’Avv. Mariani. Assente Lavorint SpA, l’agenzia di somministrazione che ha assunto i lavoratori per conto dell’Arpac. Il tavolo è stato un importante momento di confronto tra OOSS e l’Arpac in quanto si è riusciti a intavolare una discussione che ha portato ad un risultato congiunto: garantire lo stipendio ai lavoratori con l’impegno della Provincia a saldare quanto ancora dovuto all’Arpac, prorogare i contratti dei lavoratori fino al 31/12/2010 (in quanto in scadenza al 30/06/2010) e al tempo stesso avviare un percorso di continuità del Progetto Verifica Impianti assieme alla Provincia di Avellino ed in particolar modo con gli Assessorati all’Ambiente e al Lavoro. Di fronte ad una situazione complessa che vede una eterogeneità tra la Convenzione che è in corso tra l’Arpac e la Provincia di Avellino (la cui scadenza è al 31/12/2010), il contratto commerciale in corso tra Arpac e Lavorint Spa (la cui scadenza è il 15/09/2010) e i contratti di lavoro (le cui scadenze sono al 30/06/2010) le OOSS hanno richiesto di portare ad una uniformità tali scadenze e fissare una data unica al 31/12/2010.
Dichiarazione Preziosi (UIL): “Siamo abbastanza soddisfatti del risultato raggiunto ma ci aspettiamo di avviare un percorso serio che a partire dall’anno nuovo possa camminare con le proprie gambe. E’ questa una responsabilità che investe le parti in causa in quanto occorre guardare al risultato finale : salvaguardare i posti di lavoro dei professionisti che ogni giorno garantiscono la sicurezza nelle case dei nostri cittadini, e, dare continuità a questo valido progetto che non dovrà terminare ma diventare tutt’uno con le funzioni proprie dell’Ente Provincia”.

Notizie correlate