Putin giura il suo quarto mandato come presidente della Russia

Più di 1.500 persone sono state arrestate nelle proteste contro l’investitura

Vladimir Putin, che controlla il potere in Russia dal 2000, è entrato in carica per la quarta volta lunedì come presidente dello stato in una cerimonia solenne al Grande Palazzo del Cremlino, che evoca un’incoronazione imperiale.

Con un partito che ha visto la partecipazione di più di 6.000 ospiti questo leader di 65 anni ha deciso di tornare in Russia, preceduto da proteste dei cittadini . Sebbene rappresentino una minoranza, queste proteste coprono un’ampia geografia e comprendono giovani e giovanissimi e anche settori altamente qualificati, disturbati dai crescenti ostacoli imposti in nome della sicurezza alla modernizzazione del paese in un mondo globale.

Putin, che è arrivato all’evento in una limousine di fabbricazione russa, è stato rieletto presidente il 18 marzo con il 76,6% dei voti. Tra la cerimonia di oggi e l’inaugurazione nel maggio 2012, l’intervento militare della Russia in Ucraina a sostegno dei secessionisti di quel paese e l’annessione della penisola di Crimea hanno avuto luogo, eventi che segnano un prima e un dopo nell’evoluzione post-sovietica della Russia e il suo posizionamento nel sistema delle relazioni internazionali.

A partire dal 2014, le relazioni tra Mosca e paesi occidentali sono state caratterizzate da un’escalation di sanzioni e contro-sanzioni, nonché dalla rottura di molteplici legami istituzionali (i due vertici annuali tra l’Unione europea e la Russia, ad esempio), sfiducia e il distanziamento.

Putin non è isolazionista e ciò che vuole è modificare le regole attuali del gioco per riportare la Russia al co-protagonista nelle principali decisioni del mondo. La loro esclusione dal G8 (club internazionale, in modo prezioso in tempi di Boris Eltsin e l’inizio dell’era di Putin), il Capo dello Stato ha risposto ad affermarsi in altri ambienti e con gli altri partner come i BRICS (il club emergenti), la Cina, ai suoi confini orientali, e la Turchia e l’Iran nel sud. Con questi ultimi due paesi, la Russia coordina il suo intervento in Siria e il suo ritorno come potenza militare in Medio Oriente. Le discrepanze con l’Occidente, causate dalla politica del Cremlino in Ucraina, si sono unite alle differenze per il sostegno di Mosca al presidente siriano Bashar al-Assad e alle accuse di interferire nelle elezioni nordamericane.

Un’indagine del centro di Levada ha indicato che l’82% dei russi ha sostenuto Putin in aprile (rispetto al 17% che non approva). Il capo del governo, Dmitry Medvedev, ha tuttavia ottenuto un’approvazione del 42% (contro il 57% contro) nello stesso periodo. Ma, secondo il centro di sondaggio TSIOM, la fiducia in Putin è stata ridotta rispetto alle elezioni e dal 58,9% di gennaio è salita al 47,1% di aprile.

Putin, con la mano destra sulla Costituzione, giurato alla cerimonia di “rispettare e difendere i diritti e le libertà delle persone e dei cittadini, di osservare e difendere la Costituzione della Federazione Russa, difendere la sovranità e l’indipendenza, sicurezza e integrità territoriale dello Stato, e servire le persone con lealtà “.

Nella valutazione del suo ultimo mandato, il 45% dei cittadini ha dichiarato in aprile che Putin non ha garantito un’equa distribuzione dei redditi nell’interesse dei cittadini ordinari e il 39% ha affermato – in un’indagine condotta dal centro Levada … che le risorse perse durante le riforme non erano state restituite alla popolazione. Secondo la stessa indagine, la lista dei desideri per il nuovo mandato è guidato dalla crescita dei salari e delle pensioni (39%), seguito da sanità e l’istruzione accessibile (25%), la crescita economica, stabilità monetaria, minore dipendenza dei prezzi del petrolio. In quarto luogo, si trova la lotta alla corruzione.

Dopo l’inaugurazione, alla presenza del patriarca della Chiesa ortodossa russa, Kiril, Putin proporrà la sua candidatura alla carica di capo del governo. La maggior parte degli analisti ritiene che la vostra scelta riposerà ancora Medvedev, un uomo che ha dimostrato la sua lealtà verso l’attuale capo di Stato, dopo aver servito come presidente tra il 2008 e il 2012, dopo Putin aveva esaurito i due mandati presidenziali di quattro anni che in quel momento ha permesso la costituzione russa.

Essendo presidente di Medvedev, la costituzione è stata modificata per estendere il mandato del capo dello stato da quattro a sei anni e per consentire alla stessa persona di essere presidente più di due volte, purché i mandati non fossero continuati. Se la legge fondamentale non cambia di nuovo, Putin inizia il suo ultimo mandato presidenziale oggi. Se si considera che il suo arrivo nelle posizioni chiave dello Stato si è verificato durante l’estate del 1999, quando Boris Eltsin lo nominò primo ministro sullo sfondo della guerra contro i separatisti nel Caucaso, Putin e oggi è stato al potere 19 anni e per tutta la durata della loro permanenza al potere è al terzo posto negli ultimi 125 anni di storia della Russia e l’Unione Sovietica, dopo Nicola II (1894-1917) e Stalin (1922-1952), davanti a Leonid Breznev che guidò il paese dal 1964 al 1982. Nicola I (zar dal 1825 al 1855) e Alessandro II (dal 1855 al 1881) presero il record nel diciannovesimo secolo. Tuttavia, molti oggi dubitano che Putin stia pensando di ritirarsi davvero.

L’analista Konstantin Gaaze, del Carnegie Moscow Center, scrive che “nei prossimi anni il Presidente Putin cercherà di convincerci (e convincersi) che egli è disposto a lasciare nel 2024 e cerca un successore. Ma sfortunatamente tutte queste conversazioni, voci, insinuazioni significative non saranno altro che una cortina fumogena. Questo è già compreso dal modo in cui il presidente si comporta con i membri del governo durante i dibattiti sulla riforma e le varianti di sviluppo del paese “. All’ordine del giorno ci sono gli aumenti e le nuove tasse e anche il prolungamento dell’età pensionabile (ora 55 anni per le donne e 60 per gli uomini) al fine di aumentare il reddito del bilancio, che ha sofferto del declino i prezzi del petrolio rispetto al periodo in cui ha superato i $ 100 al barile e soffre anche delle difficoltà di indebitamento sui mercati internazionali (a causa delle sanzioni occidentali) e della necessità di sostenere e soddisfare il business patriottico colpito anche da le sanzioni.

Secondo Gaaze, il presidente preferisce parlare con i ministri forti in un governo guidato da un carattere debole e se continua così, “questo sarà portare alla rottura di alto livello esecutivo e parte delle funzioni reali di governo passerà ai servizi di sicurezza. Questi servizi hanno già un peso iperatromato nella politica russa, ad esempio nelle restrizioni e nel controllo del cyberspazio. La decisione giudiziaria di bloccare il servizio di messaggistica istantanea di Telegram, tuttavia, non è stata eseguita fino ad ora ed è stata oggetto di una manifestazione di protesta il 30 aprile che ha reclutato più partecipanti rispetto al 5 maggio convocato dal Navalni avversario contro l’inaugurazione di Putin a Mosca nel quadro di un’azione che ha portato circa 20.000 persone in strada in diverse città della Russia. Tra le caratteristiche della manifestazione contro il blocco di Telegram c’erano le rivendicazioni dei diritti dei cittadini alla libertà di informazione e l’oltraggio alla natura arcaica della decisione e la goffaggine delle autorità nel metterla in pratica.

Sei anni fa, un’ondata di proteste precedette l’inaugurazione di Putin. A Mosca, i suoi membri erano quindi più numerosi che nel giorno del 5 maggio e la loro azione nella capitale si è conclusa con severi processi che hanno imposto condanne a diverse decine di persone. Ora, i manifestanti sono più giovani e includono i bambini delle scuole. Foto di ragazzi e ragazze o golepados arrestate durante le manifestazioni hanno guastato la festa di inaugurazione, ma questa volta ci sarà il contrasto tra la carovana si sposta verso Putin al Cremlino per le vie vuote della capitale. Più preoccupante delle manifestazioni il 5 maggio a Mosca è il ruolo svolto nella repressione da parte di persone che si presentano come cosacchi e difensori del regime e schiaffeggiato, malmenato e picchiato con le fruste manifestanti. Tra i presenti alla manifestazione in cui Navalny è stato arrestato erano membri della Tsentralnoe Lazachie Voisko “(Central Cosacco il distacco), che aveva ricevuto il sostegno finanziario del sindaco di Mosca per la formazione di sciogliere i raduni. Lo ha detto il canale Chudesa OSINT di Telegram.

Secondo questa fonte, dal 2016 al 2018, quell’organizzazione ha ricevuto tre contratti per addestrare dal Dipartimento per le politiche nazionali e le relazioni interregionali del Municipio di Mosca al fine di mantenere l’ordine pubblico, garantire la sicurezza in enormi concentrazioni nella città. È una “nuova tecnologia” che le autorità stanno sparando e che è analoga al “titushki” dell’Ucraina, lo scienziato politico Gleb Pavlovski ha detto ad un corrispondente del servizio di notizie “The Bell” che ha indagato sul caso. Il “titushki” è il nome dato ai civili ucraini che hanno collaborato con gli organi di sicurezza contro i manifestanti che hanno protestato contro il regime, di solito attraverso una sorta di relazione gerarchica o di pagamento. In epoca sovietica i personaggi in borghese che collaboravano con il KGB sciolsero le riunioni dei dissidenti.

Notizie correlate