Comune di Aquilonia, è lite attraverso comunicati: questo è l’ultimo

Aquilonia è un comune di 1.677 abitanti della provincia di Avellino, dove c’è grande fermento tra sindaco e opposizione. E’ iniziata una lite a suon di comunicati. (LEGGI QUI)

Quella che vi proponiamo è il terzo ma per noi è l’ultimo. In tutti i sensi.

Se le parti avverse vorranno continuare con questo botta e risposta potranno utilizzare uno spazio pubbliredazionale, che saremo lieti di cedere in base alle tariffe pubblicitarie previste. Altrimenti potranno tornare ai vecchi metodi: discutere dinanzi ai bar oppure affiggere manifesti.

Dal Gruppo Aquilonia Futuro riceviamo e pubblichiamo (per l’ultima volta)

Fidarsi è bene…controllare è meglio!
Premesso che un consigliere può richiedere un atto o un documento solo se ha evidenza che tale atto è stato inoltrato o ricevuto dal Comune, la procedura di accesso agli atti predisposta e comunicataci dal Sindaco con la nota n. 4148 del 01.08.2018 prevede che:
1) Un consigliere deve, necessariamente, richiedere verbalmente, ed in continuo, al referente dell’ufficio competente l’arrivo o l’inoltro di un documento/atto;
2) Dopo svariate richieste verbali, informato dal referente dell’Ufficio Protocollo dell’arrivo/inoltro del documento, può presentare richiesta scritta per averne copia.
3) Entro 48h, gli uffici competenti trasmettono copia dei documenti
Procedura – Post Ricorso
1) Un consigliere, tramite l’accesso diretto al protocollo informatico, verifica, in tempo reale, e con maggior controllo (vista la panoramica su tutti gli atti) qual è l’atto da richiedere e gli eventuali atti collegati.
2) Presenta richiesta scritta per averne copia con il rilascio immediato da parte degli uffici competenti.
3) L’accesso da Remoto (per coloro che assumono di capire la sentenza ma non conoscono il linguaggio informatico) sta a significare che il consigliere da casa accede in tempo reale al protocollo e avendo conoscenza immediata degli atti in entrate e in uscita chiede ciò che serve per l’espletamento del mandato popolare.
Se questa è una Vittoria di Pirro…la accettiamo volentieri!
Infine, ad onor del vero e per una corretta informazione, la sua dichiarazione sulle tempistiche di rilascio degli atti riportata sui quotidiani non è per niente onesta (sempre che tale dichiarazione sia realmente fatta da Lei e non solo firmata da Lei; in quest’ultimo caso la invitiamo a leggere quanto firma). Lei infatti dichiara, in maniera molto democratica e trasparente, la disponibilità al rilascio degli atti, previa richiesta scritta, entro le 24h. Peccato che nella nota richiamata sopra (prot. 4148 del 01/08/2018) comunicava al nostro
Capogruppo, e poi ribadiva anche alla Prefettura di Avellino con altra nota, che l’evasione delle richieste sarebbe avvenuta nel termine ordinario di 48h dalla data di presentazione.
Quanto ai maggiori costi, la giunta si riferisce a quelle da corrispondere al legale per la sua assenza all’Udienza.
La Democrazia va praticata e non enunciata.
Se l’amministrazione è trasparente perché teme di far vedere e consegnare gli atti in entrata e in uscita?
Caro Sindaco, lasci anche a noi fare una sottolineatura…all’interno delle Casa comunale, da quando vi siete insediati, l’unica cosa che davvero non c’è, oltre alle competenze tanto declamate, è proprio la trasparenza d il rispetto dei diritti.
In ogni caso nelle prossime settimane il Gruppo Aquilonia Futura incontrerà la Comunità di Aquilonia in un assemblea pubblica per discutere delle tante situazioni che attanagliano la nostra comunità.