La Triplice chiama i candidati alla Provincia

La Triplice chiama i candidati alla Provincia
Occupazione, crisi, sviluppo e futuro delle imprese. Sono questi i temi al centro di un confronto che Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato con i candidati alla presidenza dell’amministrazione provinciale. Solo tre su cinque, quelli che hanno accettato l’invito: Alberta De Simone, Amalio Santoro e Bene…

La Triplice chiama i candidati alla Provincia

Occupazione, crisi, sviluppo e futuro delle imprese. Sono questi i temi al centro di un confronto che Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato con i candidati alla presidenza dell’amministrazione provinciale. Solo tre su cinque, quelli che hanno accettato l’invito: Alberta De Simone, Amalio Santoro e Benedetto Colucci. Cosimo Sibilia ha declinato l’invito. “Nessun problema con Cisl e Uil” – ha spiegato il senatore del Pdl che ha precisato: “Non accetto confronti con la Cgil che ha strumentalizzato a fini politici una vicenda che ha riguardato un cantiere di mio padre”. Diverse le ricette presentate dai candidati sul fronte dell’occupazione. “Far tornare i giovani che sono andati via dall’Irpinia puntando tutto su centri di formazione, poli di ricerca, agricoltura di eccellenza e imprese ad alta specializzazione e innovazione” – ha detto Alberta De Simone che ha aggiunto: “Questo lavoro era stato da me già iniziato. Il nostro obiettivo è richiamare almeno 10 giovani ogni tre mesi”. Parte dalle cose essenziali, invece, Amalio Santoro del centrosinistra alternativo. “Dobbiamo guardare al presente – ha detto – frenare questa emorragia demografica, puntando su opere pubbliche come gli interventi sulla strade, ma soprattutto dobbiamo istituire un fondo sociale per le famiglie in difficoltà come suggerisce anche la conferenza dei vescovi”. Lotta agli sprechi e basta con le indennità per chi ricopre cariche pubbliche, è l’esortazione arrivata da Benedetto Colucci della lista comunista che intende dare un sussidio permanente a tutti i disoccupati. “La crisi la paghino i padroni e non gli operai” – ha aggiunto in conclusione Colucci. “La situazione nella nostra Provincia è drammatica – ha fatto notare il segretario provinciale della Cisl, Mario Melchionna – l’appello è rivolto a tutte le parti politiche: gli impegni assunti siano mantenuti e non rimangano le solite promesse da campagna elettorale”.