Provincia: giunta vicina, ma è rottura nel Pdl

Provincia: giunta vicina, ma è rottura nel Pdl
Ancora acque agitate nella maggioranza alla Provincia, ma il quadro della giunta si avvia alla definizione. Entro le 20, la squadra del presidente Cosimo Sibilia sarà al completo. Già per cinque dei 10 nuovi assessori è stato firmato dal senatore il decreto di nomina. La prima novità riguarda propri…

Provincia: giunta vicina, ma è rottura nel Pdl

Ancora acque agitate nella maggioranza alla Provincia, ma il quadro della giunta si avvia alla definizione. Entro le 20, la squadra del presidente Cosimo Sibilia sarà al completo. Già per cinque dei 10 nuovi assessori è stato firmato dal senatore il decreto di nomina. La prima novità riguarda proprio la vice presidenza che va all’Udc con Giuseppe De Mita che è riuscito a strappare la casella all’Mpa. Per il Pdl entrano nell’esecutivo di palazzo Caracciolo l’imprenditrice Antonio Ruggiero e i consiglieri Cusano e Lanni. In giunta in quota “Patto popolare per l’Irpinia” anche l’ex sindaco di Ariano, Domenico Gambacorta. Oltre a De Mita, per l’Unione di centro entrano l’ex asessore all’Urbanistica di Avellino, Maurizio Petracca. Incerta la terza casella dello scudo crociato: dovrebbe essere occupata dal sindaco di Trevico, Giuseppe Solomine. Un solo posto in giunta per l’Mpa: sarà occupata dal consigliere Del Mastro mentre l’Adc non ha ancora sciolte le riserve. In ballottaggio le candidature del coordinatore provinciale Antonio De Vita e del consigliere Carmine Gnerre. La decina casella sarà occupata da un docente universitario: si tratta del professore Coppola la cui nomina è di stretta derivazione del presidente Cosimo Sibilia. Ma intanto c’è già la prima rottura ed è con la componente ex An del Pdl. “La giunta provinciale non può nascere – ha scritto in una nota il capogruppo regionale di opposizione Franco D’Ercole – con una grave ferita all’interno del PdL. L’eventuale esclusione dell’avvocato Freda dall’esecutivo sarebbe del tutto incomprensibile ed inaccettabile, ed impedirebbe l’avvio di un cammino sereno della giunta che invece avrebbe assoluta necessità di avviare l’azione amministrativa con la massima solidarietà delle forze politiche”.

Notizie correlate