“Controlli pensioni, basta caccia alle streghe”

“Il programmato, massiccio, controllo delle pensioni di invalidità – ha dichiarato Paternostro – se è giusto e opportuno, è auspicabile che non si trasformi in una sorta di “caccia alle streghe” dove l’estrema rigidità può creare danni notevoli ad un soggetto già in difficoltà e con reali malattie”. E’ quanto sostiene la capolista al comune di Avellino per la lista “Pensionati Per l’Irpinia”, Anna Paternostro. “Anche i ricorsi verso revoche o sospensioni di pensioni, o comunque diminuzione di p…

“Il programmato, massiccio, controllo delle pensioni di invalidità – ha dichiarato Paternostro – se è giusto e opportuno, è auspicabile che non si trasformi in una sorta di “caccia alle streghe” dove l’estrema rigidità può creare danni notevoli ad un soggetto già in difficoltà e con reali malattie”. E’ quanto sostiene la capolista al comune di Avellino per la lista “Pensionati Per l’Irpinia”, Anna Paternostro. “Anche i ricorsi verso revoche o sospensioni di pensioni, o comunque diminuzione di punteggi di invalidità, costringono l’invalido ad instaurare un ricorso a livello giudiziario, non essendo più possibile un ricorso amministrativo. Percorso oneroso – ha sottolineato la candidata, Anna Paternostro – che non tutti sono in grado di affrontare, ed ecco perché è auspicabile, nell’effettuare i controlli, valutare appieno, in tutte le varie sfaccettature, le condizioni del soggetto interessato. Indubbiamente le Commissioni preposte sono altamente qualificate ed estremamente professionali ma il Partito “Pensionati Per l’Irpinia” sottolinea che anche le condizioni psicologiche di chi effettivamente ha menomazioni consistenti, vanno valutate in tutta la loro interezza – ha concluso Paternostro – e c’è sempre da considerare che anche la semplice sospensione della pensione di invalidità, per chi vive il problema, è, quasi sempre, un dramma, dal momento che in tanti casi è l’unico reddito certo su cui contare per cui la revoca, o la sospensione, di una pensione di questo tipo va sempre, a giudizio del Partito “Pensionati Per l’Irpinia”, valutata e ponderata attentamente”.

Notizie correlate