Rimpasto in Provincia, Sergio Nappi scrive al presidente Sibilia

POLITICA AVELLINO – Di seguito vi proponiamo il testo della lettera redatta dal consigliere regionale Noi Sud – Federazione Caldoro Presidente, Sergio Nappi, e indirizzata alò presidente della Provincia Cosimo Sibilia, in merito alla sostituzione degli assessori Del Mastro e Gnerre avvenuta nei giorni scorsi: “Gentile Presidente, La decisione da Lei assunta di modificare la composizione dell’Esecutivo, senza una preventiva consultazione della coalizione di centrodestra e prescindendo totalmente dalle formazioni minori, è in netto contrasto con gli impegni annunciati a più riprese.
Nel corso di questi primi anni di consiliatura abbiamo posto ad ogni livello il problema del ruolo politico ed amministrativo delle formazioni politiche minori che hanno sostenuto il centrodestra e la Sua candidatura. Nel corso della consiliatura, infatti, dette formazioni sono rimaste prive di una rappresentanza nell’Esecutivo, né è stato consentito alle stesse di contribuire alle scelte strategiche operate dalla Sua Amministrazione.
Nei fatti Lei ha agevolato l’affermazione di un duopolio PDL – UDC con l’estromissione di quei soggetti politici che avevano contribuito in maniera determinante all’affermazione del centrodestra. Lo stesso duopolio che ha, per ultimo, determinato la nomina di Romano e Giaquinto – persone degne di ogni stima – e la contestuale sostituzione degli assessori Gnerre e Del Mastro.
E’ innegabile, tuttavia, che l’attuale composizione politica del Consiglio Provinciale ha risentito della interminabile e travagliata fase di transizione che interessa la politica italiana in generale. Infatti, molti Consiglieri originariamente eletti in determinate forze politiche, nel frattempo hanno deciso di spendere altrove il loro impegno pubblico con la innegabile conseguenza che alcuni partiti del centrodestra non hanno più una rappresentanza nel parlamentino irpino. Ciò, tuttavia, non la esime da quel vincolo di appartenenza alla Coalizione di centrodestra che Le imporrebbe di consultare tutte le forze politiche alleate prima di adottare provvedimenti fondamentali per la vita dell’Ente come la modifica dell’assetto dell’Esecutivo.
Ancora una volta siamo costretti, invece, a prendere atto di un provvedimento che, a malincuore, non possiamo non considerare unilaterale e, per certi versi, a noi ostile. Ciononostante, con spirito di collaborazione e nell’esclusivo interesse della coalizione, anche in ragione dell’approssimarsi delle elezioni politiche, Le ribadiamo l’invito a scindere la dimensione politica da quella istituzionale: si assuma fino in fondo l’onere di assolvere al mandato di Coordinatore provinciale del partito di maggioranza relativa convocando un tavolo di confronto che si faccia carico in maniera risolutiva della crisi ormai evidente del centrodestra irpino.
Vale la pena ricordarLe che, appena insediatosi in questo ruolo squisitamente politico, aveva garantito che si sarebbe aperta una nuova fase per il centrodestra irpino caratterizzata dalla collaborazione e dal confronto. Nel recente passato siamo stati più volte additati di volerci assumere un ruolo guida che non ci competeva. E’ evidente, invece, che il nostro intento era e rimane proprio quello di ridare a tutti i partiti la dignità e il ruolo che ad essi compete.
Confidiamo che questa missiva non sia considerata come un gesto di ostilità ma sia accolta come ulteriore tentativo di ricomposizione dell’area politica di centrodestra.
Cordiali saluti”.

Notizie correlate