Fratoianni (Si) in Irpinia: “L’Acqua? Va tutelata sempre non solo quando non esce dai rubinetti”

“Non ci si può accorgere che l’acqua è un bene prezioso solo quando non esce più dal rubinetto di casa”. Così Nicola Fratoianni segretario nazionale di Sinistra italiana durante la conferenza stampa che ha aperto la sua visita in Irpinia. Due le tappe in programma, a Solofra ed a Santa Paolina, per incontrare i cittadini e per parlare di territorio ed ambiente.

Per parlare di acqua, di emergenza idrica e di mancati investimenti. In Irpinia il ripristino della pompa idrica di Cassano irpino lascia intravedere un pò di luce in fondo al tunnel. Ma non basta. Occorrono investimenti su condotte idriche vecchie di decenni che disperdono quasi il 50% dell’acqua che viene immessa in rete. In una parola ci vuole programmazione.

A Solofra ed a Montoro, poi, la falda acquifera è contaminata da tetracloroetilene. Una emergenza che si protrae dal 2014. E ad oggi sul territorio non si è ancora intervenuti con la bonifica.

“Il dramma di questo Paese, ha rilanciato Fratoianni, è il dramma di un Paese incapace di uscire dalla logica dell’emergenza. Ci si accorge che l’acqua non c’è quando non esce dai rubinetti, non si è mai in grado di costruire una politica che abbia nella prevenzione, nella programmazione il suo punto di forza. Dovremmo, tanto per cominciare, tornare a discutere del carattere pubblico dell’acqua, del referendum tradito, dovremmo tornare a discutere di come una risorsa decisiva come l’acqua venga messa a disposizione dell’interesse collettivo e non solo nella gestione dell’emergenza che pure va affrontata ma nella dimensione ordinaria che di fronte ad una questione come questa è assolutamente necessaria”