Solofra, brutto risveglio in città: acqua torbida dai rubinetti. Il sindaco ne vieta l’uso

Brutto risveglio per i cittadini solofrani. Questa mattina dai rubinetti di casa è venuta fuori acqua torbida. Una situazione registrata in diverse aree del territorio cittadino – centro e periferia. A pozzo Pastena, anche a causa delle forti piogge, la pompa idrica ha “pescato” acqua e terriccio immettendolo in rete.

Il primo cittadino di Solofra, Michele Vignola, a scopo precauzionale , ha disposto il divieto ad uso alimentare dell’acqua erogata dall’acquedotto comunale. E’ stata allertata l’Asl che sta effettuando le analisi del caso. La situazione comunque sta andando verso un progressivo miglioramento.

L’ordinanza è stata comunicata alle scuole presenti sul territorio comunale ed all’ospedale Landolfi di Solofra. Per il nosocomio di via Melito è stato richiesto l’invio di una autobotte da parte dei Vigili del fuoco al fine di garantire l’approvvigionamento idrico della struttura sanitaria. Allertata anche la Prefettura e la struttura di Protezione civile.

Si aspetta che l’Asl completi le analisi e fornisca i risultati per procedere alla revoca dell’ordinanza.

Restano però i problemi per un acquedotto comunale che ormai dimostra tutta la sua fragilità. Non più tardi di due settimane fa un altro episodio, più grave di quello verificatosi questa mattina, lasciò a secco buona parte del territorio comunale. Una grossa perdita nella condotta adduttrice in località Sorbo. Il guasto fu riparato. E la fornitura ripristinata.

Ora questa nuova tegola.

Notizie correlate