Avellino col cuore, ma vince Roma

Avellino col cuore, ma vince Roma
Dopo le rassicurazioni della famiglia Ercolino sul futuro della Scandone, si è passato al basket giocato. Nonostante i problemi c’è un campionato da onorare davanti agli occhi del Presidente di Lega Valentino Renzi venuto a far visita al patron Ercolino. L’Air cede alla Lottomatica 84-95 dopo un tem…

Avellino col cuore, ma vince Roma

Dopo le rassicurazioni della famiglia Ercolino sul futuro della Scandone, si è passato al basket giocato. Nonostante i problemi c’è un campionato da onorare davanti agli occhi del Presidente di Lega Valentino Renzi venuto a far visita al patron Ercolino. L’Air cede alla Lottomatica 84-95 dopo un tempo supplementare. Le due squadre sono scese con motivazioni diverse, i capitolini avevano bisogno di questi due punti per proseguire verso il secondo posto, mentre la Scandone non aveva obiettivi da raggiungere ed ha giocato con la mente libera con la sola voglia di fare bella figura. Ed infatti la squadra di Gentile dopo un inizio sprint grazie a Jaaber ha faticato non poco a resistere al ritorno degli irpini che ad un minuto dalla fine erano addirittura passati in vantaggio di tre. La cabala però dei tiri liberi ha premiato ancora una volta la Lottomatica che come all’andata va all’overtime dopo un tiro libero sbagliato da Diener, per poi schiacciare l’avversario sotto i colpi di Becirovic che ha segnato gli ultimi sei tiri liberi nel tempo regolamentare e ha messo a segno due bombe di fila nel supplementare che hanno spaccato la partita. Sulla sponda irpina da sottolineare le prove di Cinciarini e dell’onnipresente Radulovic che quando è in forma è un giocatore straordinario. LACRONACA . L’Air si presenta orfana di Warren che per motivi che tutti conosciamo ha preso parte alla gara. A sorpresa scendono in campo Williams e Slay che in settimana si sono allenati con il contagocce. Roma invece è al gran completo. I giallorossi partono subito forte vogliono vincere e si vede, Jaaber è indiavolato e trascina i suoi. La Lottomatica è in vantaggio al 5′ (7/11). Avellino vuole fare bella figura davanti al suo pubblico e cerca una reazione con Cinciarini ma al 10′ è sotto (19/23). Il secondo quarto inizia sulla falsa riga del primo con la con i vice campioni d’Italia ad imporre il proprio ritmo trovando il max vantaggio al 15′(25/38). Quattro punti di fila di Radulovic e Crosariol riducono la forbice al 17′ (29/38). La partita è molto spigolosa nessuna delle due squadre vuole lasciare la posta in palio, nonostante la squadra biancoverde non abbia motivazioni, mentre Roma ha fame è si vede Gigli riceve gli applausi dal pubblico irpino con un alley oop che manda i capitolini al riposo avanti di 11 (35/46) al 20′. In questi primi due quarti un Air libera mentalmente ha dominato sotto i tabelloni e le palle perse il vero tallone d’achille degli irpini, sono solamente due. Anche se in attacco i soliti problemi hanno fatto si che i biancoverdi sono sotto all’intervallo lungo. La squadra biancoverde parte forte e vuole recupera lo svantaggio accumulato ma Roma la ricaccia via grazie alle triple di Datome. Radulovic in attacco e la difesa a zona però portano i biancoverdi a -5 al 25′ (50/55) con Gentile costretto al timeout. Al ritorno dal mini intervallo la squadra della capitale tenta di far sua la partita, ma la Scandone è concentrata e non demorde al 28′ (55/60). Il quarto si chiude con una spettacolare schiacciata di Crosariol che porta a meno 4 i suoi (59/63) al 30′. L’ultimo quarto inizia con i biancoverdi a volere imporre il ritmo e gioca di squadra come mai vista prima un azione sull’asse Porta – Cinciarini fa infiammare il pubblico al 34′ -3 (64/67). Una fiammata di Roma grazie ad un regalo a rimbalzo dà il + 8 al 37′ (66/74). Avellino non è doma e con un parziale di 11-0 ribalta il risultato al 39′ (77/74). A questo punto la gara diventa intensa e si gioca ai tiri liberi. Diener ne sbaglia uno, mentre Becirovic è chirurgico e manda le squadre all’overtime. Il supplementare inizia con due sanguinose palle perse di Diener e la Lottomatica con un due triple di Becirovic si porta a + 6 (80/86) al 42′. A questo punto gli uomini di Gentile hanno le mani sulla partita e non si lasciano sfuggire l’occasione anche perchè i giocatori biancoverdi sono stanchi. La partita finisce con il punteggio di 84/95 per romani con Avellino che esce tra gli applausi per l’impegno profuso

Notizie correlate