Ercolino junior: non lascio, raddoppio

Ercolino junior: non lascio, raddoppio
Dopo un periodo di silenzi, finalmente la famiglia Ercolino ha ritrovato la parola. Davanti ad una sala stampa gremita da giornalisti anche di testate nazionali e dai tifosi. Il presidente Ercolino e suo figlio Luigi hanno voluto fare chiarezza sulla stabilità economica della società scacciando tutt…

Ercolino junior: non lascio, raddoppio

Dopo un periodo di silenzi, finalmente la famiglia Ercolino ha ritrovato la parola. Davanti ad una sala stampa gremita da giornalisti anche di testate nazionali e dai tifosi. Il presidente Ercolino e suo figlio Luigi hanno voluto fare chiarezza sulla stabilità economica della società scacciando tutte quelle nubi che facevano presagire il peggio. Il primo a prendere la parola è stato il N1 di Piazza Liberta che con la sua solita simpatia ha parlato del momento che sta attraversando la squadra “ Ci mancano due partite alla fine della stagione, mi spiace per come è andata e per non aver raggiunto gli obiettivi prefissati. Purtroppo quest’anno la sfortuna ci ha perseguitato ed abbiamo perso più di otto partite per un punto, lo scorso anno ci capitava il contrario”. Il vulcanico Presidente poi continua parlando della situazione societaria. “ Noi abbiamo un programma decennale anche se dai giornali si dice diversamente. Io voglio continuare a far conoscere Avellino a livello nazionale e perché no anche di nuovo a livello internazionale. Voglio che mi stia vicini tutti e da lunedì mi metterò in moto per cercare nuovi investitori che mi affiancheranno per portare in alto questa società. Tutti dicono che ne ho guadagnato di immagine, ma non è cosi anzi mi ha portato solo problemi perché sono stato sotto l’occhio del ciclone di tutti. Ho costruito un nuovo palazzetto che non è mio o della famiglia Ercolino ma della città quindi remiamo tutti dalla stessa parte e vedrete che ci toglieremo delle soddisfazioni”. Gli fa Eco l’amministratore delegato nonché suo figlio Luigi Ercolino e le sue parole sono significative e sono dirette. “Ringrazio tutti per la presenza a questa conferenza. Dopo aver letto di fallimenti e di notizie non vere. La scandone non rischia nulla fino a quando saremo a capo di questa società ci iscriveremo anche l’anno prossimo e fino a quando ci saremo questa società non rischia . Posso dire che la famiglia Ercolino non lascia ma raddoppia. Due anni fa abbiamo preso in mano le redini di questa squadra e con il sacrificio di tante persone che ci sono state vicino l’abbiamo portata ai vertici, ora non saranno chiacchiere che si fanno per la strada o davanti al bar ad allontanarci. Da lunedì ci metteremo al lavoro per cominciare una nuova stagione avviando contatti con tutte quelle persone che vogliono far parte del nostro progetto, ma proprio perché c’è gente che fa dei sacrifici non permetterò che la Scandone diventi un carrozzone dove si sale quando si è vincenti e si scende quando ci sono dei problemi”. La discussione si sposta poi sui due casi venutisi a creare in queste settimane di Warren e Burlacu ed ad intervenire è anche Ercolino Senior. “Quello di Warren è stata tutta una mossa del procuratore che voleva liberare il giocatore a parametro zero appellandosi su qualche giorno di ritardo sui pagamenti ma ora ne risponderà per vie legali” – ha tuonato Vincenzo Ercolino-. “Warren è un giocatore della Scandone e lo sarà anche l’anno prossimo se qualche società lo vuole deve pagare noi di certo nno lo diamo gratis. Per quanto riguarda Burlacu invece i lodi come già detto in passato si vincono e si perdono, anche se credo che avevamo le nostre ragioni rispetteremo gli impegni”. Il futuro però è dietro l’angolo e si parla pure di Markovski che è legato con un contra biennale. “Ora è prematuro parlarne dichiara -Ercolino Senior- vedremo sul da farsi più in la non posso stabilire ora la posizione di Markovski. Certo le colpe non sono mai di una singola persona, ma di vari fattori che hanno ruotato intorno a questa stagione e con qualche punto in più che meritavamo ora stavamo parlando di altro. Una cosa è certa ed ho imparato sulla mia pelle, non è vero che i soldi ti fanno vincere io mi ero illuso ma non è cosi lo scorso anno con poco più di 200 mila euro avevamo giocatori eccezionali, quest’anno con molti più soldi parecchi di loro hanno deluso”. L’ultimo pensiero dell’Amministratore delegato va ai tifosi. “Volevo ringraziare i tifosi la vera anima di questa società che ci sono stato accanto nel bene e nel male, ci auguriamo tutti che questa società abbia un futuro roseo sperando di toglierci più soddisfazioni possibili”. Con queste parole i due Ercolino ha dato sicurezza ad un ambiente che ha temuto per il peggio, ma ora sembra che tutto sia tornato alla normalità.

Notizie correlate