11^ Giornata, successi esterni per Parma e Salernitana. Bene l’Avellino che torna a vincere

Complici le sconfitte di Venezia e Cremonese, l’Empoli prova la fuga in testa alla classifica della Serie B ConTe.it. Nell’undicesima giornata, la compagine toscana affonda il Pescara 3-1 allo stadio Castellani al termine di una gara che ha regalato gol ed emozioni nella più classica tradizione zemaniana. Primo tempo dominato dall’Empoli, a segno con Ninkovic al 14′ e Caputo su rigore al 36′. Nella ripresa il Pescara accorcia le distanze all’82’ con il giovane Coulibaly, ma all’86’ è ancora Caputo a chiudere i giochi firmando la doppietta che lo porta anche in testa alla classifica cannonieri con 10 reti. Pescara che interrompe dopo due partite la serie positiva e scivola fuori dalla zona playoff.

Il Venezia di Pippo Inzaghi perde l’imbattibilità esterna nel derby veneto con il Cittadella. Il 2-1 per la squadra di Venturato porta la firma di Strizzolo e Litteri, non basta al Venezia il momentaneo pareggio di Stulac. Tre punti pesanti per il Cittadella, reduce da due sconfitte di fila. Frena anche la Cremonese di Tesser, a cui non basta un eurogol di Paulinho nel primo tempo per espugnare il campo della Virtus Entella. L’1-1 per i veneti porta la firma di Eramo nella ripresa. Punto prezioso in chiave salvezza per la Virtus, Cremonese che con il Venezia si fa scavalcare in classifica da Frosinone e Palermo.

I ciociari si issano al secondo posto da soli con 19 punti grazie alla netta vittoria per 4-2 sulla Ternana Unicusano. Al vantaggio umbro di Gasparetto, il Frosinone replica con Soddimo e Ciofani. Umbri che tornano in partita con Angiulli, ma nel finale Citro e Ciano calano il poker per i gialloblu di Longo. Quarto ko stagionale per la Ternana Unicusano, che scivola in piena bagarre salvezza. Uno scatenato Nestorovski trascina il Palermo al successo per 3-1 in casa del Carpi. Il bomber macedone chiude i conti con una doppietta nel primo tempo. Nella ripresa Sabbione accorcia le distanze per il Carpi, ma Embalo mette il sigillo sul blitz rosanero. La squadra di Tedino è ora terza mentre il Carpi resta a centro classifica.

Si candida a rimanere nei piani alti della classifica il Parma, convincente nel 3-0 rifilato al Foggia in trasferta. Pur privi dell’infortunato Ceravolo, gli emiliani passano con Gagliolo, Insigne e Germoni. La squadra di D’Aversa aggancia Cremonese e Venezia al quarto posto, pugliesi sempre penultimi. Momento difficile per il Perugia, che perde 3-0 in casa con il Cesena. Per i romagnoli a segno Jallow nel primo tempo, poi Laribi firma una doppietta nella ripresa.

Importante anche la vittoria esterna della Salernitana, 3-2 in casa del Novara grazie alle reti di Gatto e doppietta di Sprocati. Non bastano ai piemontesi le reti di Da Cruz e Di Mariano. I campani salgono a quota 16 punti proprio con il gruppone di cui fa parte il Novara. Vittorie casalinghe per l’Ascoli e l’Avellino. I marchigiani superano 3-1 lo Spezia grazie alla reti di D’Urso, Carpani e Favilli su rigore. Di Terzi la rete ligure. Le due squadre sono appaiate a quota 13 punti. Un gol di Asencio nella ripresa consente, infine, all’Avellino di superare 1-0 il fanalino di coda Pro Vercelli e interrompere una serie di tre sconfitte di fila. Irpini in dieci nel finale per l’espulsione di Moretti, ma i piemontesi non riescono ad approfittarne.