Bucaro: “L’inizio dopo la sosta è sempre un rebus”

AVELLINO CALCIO – Primo appuntamento ufficiale del 2012 per l’Avellino di Giovanni Bucaro, i biancoverdi saranno impegnati sul campo del Foligno ultimo in classifica. Il tecnico siciliano convoca i nuovi arrivati Massimo e Pezzella per la gara contro la formazione di Pagliari, mentre nell’elenco non figura Moxedano. Così come Correa diretto verso il Bassano. “Ripartiamo con l’aspirazione di ripetere quello che abbiamo fatto nel girone di andata: sarebbe bello e positivo. Le certezze dobbiamo crearcele domenica dopo domenica. Il girone di ritorno è sempre diverso. Al di la delle due tre squadre che sono davanti a tutti. Bisogna giocare partita dopo partita cercando di fare il massimo. L’inizio dopo la sosta rappresenta sempre un rebus. Se giochiamo con umiltà e voglia il traguardo è alla nostra portata, altrimenti diventa molto difficile. Non dobbiamo perdere entusiasmo, la squadra dovrà scendere in campo senza pensare che l’avversario è ultimo sul fondo della graduatoria. Vogliono cercare la salvezza diretta e quindi giocheranno spregiudicati”
. In merito alle condizioni di Millesi che in settimana ha accusato qualche problema fisico: “Ha recuperato dal primo problemino che ha avuto. Per la gara dovrebbe farcela. Moxedano è arrivato da poco, deve crescere e abituarsi a centri meccanismi. A livello fisico so cosa mi possono dare gli altri”.
Sulla possibilità di far giocare Pezzella dal primo minuto sulla corsia di sinistra: “Fisicamente sta bene, ma gli manca il ritmo partita visto che non gioca da maggio dello scorso anno. E’ una scelta che farò all’ultimo momento anche in base agli under. Ripeto non guardiamo la classifica, ma adesso inizia un altro campionato”.
Per quanto concerne i valori del campionato: “Taranto e Ternana hanno un vantaggio notevole sulle altre. Sono quelle che si giocano il primo posto. Il Carpi si è rinforzato. Il Benevento è in palla. Lo stesso Pisa sta prendendo giocatori importanti. Una corsa a più squadre”.
E su dove può arrivare l’ Avellino: “Noi dobbiamo guardare la partita singola, in questo momento non posso dire dove possiamo arrivare. Questi due mesi sono importanti. Il nostro obiettivo rimane quello, il calcio è imprevedibile. Non bisogna mai montarsi la testa. Mi auguro di stare più in alto possibile. Nel girone di ritorno i punti contano di più. Mi auguro di avere un Avellino pimpante, umile. Sulla carta potrebbe essere una gara importante, ma non è così. Ha perso il Carpi. Per me è una gara tosta, dipende sempre da noi. Ci vuole cuore e voglia”.

Notizie correlate